Addebito canone RAI sbagliato? Ecco cosa fare

La bolletta con annesso il pagamento del canone della RAI è già arrivata e con lei i primi errori. Ecco cosa fare se l'addebito è sbagliato

Il canone RAI, con ottime probabilità, è una delle imposte meno amate dal popolo italiano. L’addebito per il pagamento di quest’ultimo è stato integrato alla bolletta della luce e con l’arrivo delle fatture, sono giunti i primi problemi.

Non sono stati in pochi, infatti, quelli che si sono visti arrivare degli importi sbagliati da dover pagare.

Stando alle prime lamentele, c’è chi ha dovuto pagare e non doveva e dei coniugi che hanno dovuto pagare più utenze.

L’Agenzia delle Entrate, per cercare di placare l’ira dei tanti italiani, ha già dichiarato che a partire da ieri, 4 Agosto, è entrato in vigore un provvedimento per poter richiedere il rimborso. Sul sito della stessa si possono trovare, descritte in maniera estremamente dettagliata, tutte le modalità per poter richiedere il rimborso.

Allo stesso tempo, nella giornata del 2 Agosto, sulla pagina facebook dell’Agenzia delle Entrate è apparso questo messaggio “Cerchiamo di risolvere le vostre perplessità, legittime, sulla scelta di utilizzare solo Messenger per l’invio di quesiti: lo strumento del messaggio privato è l’unico che ci consente di gestire con razionalità il grande numero di domande che ci ponete e quindi di dare ordinatamente una risposta a tutti nei tempi previsti.
Il tasto “invia messaggio” è attivo e visibile solo nei giorni e negli orari di servizio e , per ora, l’argomento di discussione è il ‪#‎canonetv‬.
Vi preghiamo nell’interesse di tutti, affinchè il servizio sia ancora più efficiente, di non rivolgerci quesiti nei commenti ai post o nelle recensioni della pagina.
Se avete altri dubbi sulle modalità di funzionamento della nostra pagina Facebook non esitate a commentare questo post.
Grazie ancora per la vostra partecipazione, la pazienza e la cortesia che ci state mostrando!
La nostra policy la trovate qui: http://goo.gl/piiYNP
‪#‎EntrateinContatto‬

Chiunque non sia in possesso di una TV ma abbia mandato la dichiarazione il 16 Maggio, ultima data utile, si vedrà comunque addebitato il pagamento, ma potrà richiedere il rimborso. Discorso diverso per chi, invece, non ha mandato tale dichiarazione: in questo caso l’imposta dovrà essere pagata regolarmente.

Insomma, tra errori più o meno vistosi, sul sito dell’Agenzia troverete tutti i modi per farvi rimborsare.

[fonte articolo: quifinanza.it]