Alimentazione: allarme a tavola, ecco la lista dei cibi pericolosi

La Coldiretti ha presentato una lista di cibi pericolosi a causa di residui chimici, metalli pesanti e altre sostanze a rischio. Si va dalle nocciole turche al pollame polacco

Una classifica dei cibi pericolosi. È stata presentata dalla Coldiretti nel corso del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio. Un elenco che fa riflettere su quanto sia importante una sana alimentazione, al fine di non incappare in cibi dannosi per la nostra salute. La classifica è stata elaborata muovendo dai dati del Ministero della Salute sul sistema di allerta europeo per rischi alimentari. A preoccupare sono i residui chimici, micotossine, metalli pesanti, contaminanti microbiologici, diossine o additivi e coloranti presenti negli alimenti nel 2015. Questo quanto afferma la Coldiretti: ‘9,7 milioni di italiani regolarmente abbinano ingredienti nostrani con prodotti provenienti da altri paesi, come ad esempio la curcuma originaria dell’India o le bacche di goji, i fagioli azuchi e lo zenzero che sono in gran parte di provenienza cinese‘.

La lista dei cibi più pericolosi:
1)    Frutta secca proveniente dalla Turchia (nocciole): aflatossine oltre i limiti

2)    Frutta secca proveniente dalla Cina (arachidi): aflatossine oltre i limiti

3)    Erbe officinali e spezie dall’India (peperoncino): microbiologici/pesticidi oltre i limiti

4)    Pesce proveniente dalla Spagna (tonno/pesce spada): metalli pesanti in eccesso

5)    Frutta e verdura dalla Turchia (fichi secchi/peperoni): aflatossine e pesticidi oltre i limiti

6)    Frutta secca proveniente dall’India (semi di sesamo): contaminazione salmonella

7)    Frutta secca proveniente dall’Iran (pistacchi): aflatossine oltre i limiti

8)    Frutta e verdura da Egitto (olive e fragole): pesticidi oltre i limiti

9)    Frutta secca proveniente dagli Stati Uniti (pistacchi): aflatossine oltre i limiti

10) Pesce proveniente dal Vietnam (pangasio) metalli pesanti in eccesso

11)  Erbe e spezie dalla Cina (paprika/peperoncino): microbiologici/pesticidi oltre i limiti

12) Latte proveniente dalla Francia (formaggi): contaminazioni microbiologiche

13) Novel food proveniente dagli Stati Uniti: sostanze non autorizzate

14) Pollame proveniente dalla Polonia: contaminazioni microbiologiche

15) Frutta e verdura proveniente dalla Cina (broccoli/funghi): pesticidi oltre i limiti

(Fonte: www.ilmessaggero.it)

(Foto: Live Sicilia)