0 Shares 19 Views
00:00:00
18 Dec

Penne ai gamberi e carciofi

Gianfranco Mingione - 3 maggio 2014
Gianfranco Mingione
3 maggio 2014
19 Views
carciofi-piccoli

Una ricetta fresca di stagione. Arriva la primavera e con essa la voglia di piatti più leggeri e freschi, in grado di esaltare i colori e i profumi della mezza stagione variopinta. Il carciofo è uno degli ortaggi più coltivati nel nostro Paese e a livello regionale il primato della sua provenienza spetta alla Sardegna, alla Sicilia e alla Puglia.

Sono molte le sue proprietà benefiche essendo una fonte importante di preziosi sali minerali come il sodio, il potassio, il fosforo, il calcio. Oltre alla vitamina C, B, e K. Il suo uso rientra anche tra quelli della medicina naturale, oltre alla storica produzione dell’amaro Cynar, a base di foglie di carciofo, arricchito da un infuso di 13 erbe e piante, che può essere servito liscio o miscelato con soda, tonica oppure con prosecco per un ottimo Cynar Spritz. Un ortaggio da assaggiare e bere assolutamente!

In questo periodo sono reperibili i carciofi più piccoli rispetto a quelli normali e che rientrano nell’ultima fase di raccolta. La loro grandezza li rende perfetti per le gustose preparazioni in conserva. Ma vediamo come si realizzano le penne ai gamberi e carciofi!

Ingredienti per quattro persone:

½ succo di limone;

4 carciofi piccoli;

6 cucchiai d’olio d’oliva;

2 spicchi d’aglio;

Una manciata di mentuccia fresca tritata;

Una manciata di prezzemolo fresco tritato;

400 grammi di penne;

12 gamberi reali sgusciati e precotti da tagliare in 2 pezzi (vanno bene anche i gamberetti che possonoe ssere lasciati interi);

30 grammi di burro;

Sale e pepe q.b.

Esecuzione:

Pulitura dei carciofi. Prepariamo una terrina di acqua fredda. Su un tagliere procediamo alla preparazione dei carciofi: tagliamo i gambi e la punta delle foglie e leviamo le foglie più esterne che sono le più dure e meno pregiate. A questo punto tagliamo i carciofi in quattro parti e togliamo anche i germogli interni, definiti anche simpaticamente barba del carciofo, per poi effettuare un ulteriore taglio nel senso della lunghezza al fine di ottenere fette più sottili, di circa cinque mm. Possiamo riporre i carciofi puliti e tagliati nella terrina con acqua fredda e succo di limone, utile per evitare che i carciofi anneriscano dopo essere stati tagliati.

Prima di scolare i carciofi approntiamo una padella di medie dimensioni nella quale faremo scaldare l’olio d’oliva. Scolia nella apdellamo e asciughiamo i carciofi e riponiamoli nella padella con l’aglio schiacciato e metà della mentuccia e del prezzemolo. Condiamo il tutto con sale e pepe e cuciamo a fuoco a lento, ricordandoci di mescolare di tanto in tanto. La cottura è di circa dieci minuti o finché i carciofi non si sono ammorbiditi.

Poco prima di scolare la pasta uniamo ai carciofi anche i gamberi sgusciati e precotti e mescoliamo bene a fuoco basso per circa due minuti. Procediamo alla scolatura della pasta e riversiamola nella padella dei carciofi e gamberi assieme al burro. Amalgamiamo il tutto, magari con qualche salto energico, e impiattiamo guarnendo con le rimanenti erbe i nostri deliziosi piatti di penne ai gamberi e carciofi.

Buon Pasto a tutti!

[foto: lacquadellapasta.blogspot.com]

Loading...

Vi consigliamo anche