Ricette di Pasqua: casatiello alla partenopea

La ricetta per preparare la tipica torta rustica pasquale napoletana

Il casatiello rientra tra le preparazioni tipiche della cucina napoletana. E’ una torta rustica preparata nel periodo della Santa Pasqua e ne ricorda il significato attraverso le uova fissate con delle strisce di pasta a mo’ di croci. Può essere gustato sia caldo che freddo, in apertura di pasto o come secondo.

Ingredienti per la pasta (6-8 persone):

1 chilo di farina;

100 grammi di strutto;

2 cubetti di lievito di birra;

5 uova medie;

Olio e poco sale q.b.;

Pepe bianco fresco q.b.

Ingredienti ripieno:

400 grammi di pecorino o formaggi misti;

400 grammi di salame tipo napoli;

Sale  pepe q.b.

Preparazione:

Su di una spianatoia disporre la farina a fontana e versare al centro il lievito sciolto in un po’ d’acqua tiepida, lo strutto, un cucchiaino d’olio, un pizzico di sale e pepe e impastare tutti gli ingredienti. Se necessario aggiungere un po’ d’acqua tiepida e ottenere una pasta morbida.

Una volta pronto l’impasto, riporlo in una terrina infarinata, coprirlo con un canovaccio e lasciarlo lievitare in un luogo tiepido per circa tre ore o finché non avrà raddoppiato il suo volume.

Nel frattempo tagliare i formaggi e il salame a dadini.

Trascorse le tre ore, staccare un pezzetto d’impasto (una pagnottella) e metterlo da parte. Lavorare la restante parte d’impasto per poi stenderlo allo spessore di un centimetro e disporre su tutta la superficie il ripieno di formaggio e salame. Arrotolare la pasta con delicatezza quindi ungere con un po’ di strutto uno stampo con il buco al centro e riporvi il rotolo di pasta a mo’ di ciambella. Unire bene le due estremità e rimettere a crescere la ciambella in un luogo tiepido e coperta con un canovaccio.

Trascorso il secondo tempo di lievitazione, circa due ore, disporre le cinque uova sulla ciambella (vedi immagine di copertina). Fermare le uova con delle striscioline realizzate con l’impasto messo da parte.

Infornare e cuocere a 160 gradi per i primi dieci minuti e poi a 170-180 gradi per altri 50 minuti. Servire a fette come antipasto o come secondo.

(Immagine: ricette.giallozafferano.it)