Polpette vegetariane: una tira l’altra

Piccole e sfiziose: alle polpette vegetariane non si può dire di no!

Le polpette sono una di quelle preparazioni che mette d’accordo proprio tutti: grandi e piccini. Di carne, di pesce o di verdure che siano, le polpette sono un piatto irresistibile, adatto ai gusti di chiunque.

Di rientro dalle vacanze, se avete preso qualche chilo di troppo, potreste provare a preparare qualche polpetta vegetariana, che oltre a risultare più leggerà, appagherà appieno il vostro palato.

Vediamo la ricetta:

Per preparare delle ottime polpette vegetariane vi occorrono 160g di carote pelate, 350 g di patate (in alternativa potete utilizzare il cavolfiore), 1 spicchio di aglio, 2 uova, 150 g di zucchine, 100 g di parmigiano,  noce moscata, del prezzemolo, sale, pepe, 40 g di pan grattato, 1 cucchiaio di farina, 1 peperone giallo.

Iniziate facendo bollire le patate o il cavolfiore, fino a renderle morbide, ma non troppo. Una volta che saranno pronte passatele con un passaverdura o schiacciatele come meglio potete con i rebbi di una forchetta. Sbucciate quindi le carote, lavatele accuratamente e tagliatele a cubettini piccoli. Fate lo stesso con i peperoni e le zucchine, ricordandovi sempre di lavarli.

Mettete il trito di peperoni, zucchine e carote all’interno di una casseruola, nella quale avrete messo un filo d’olio e uno spicchio di aglio tritato molto finemente. Fateli cuocere a fuoco vivo per circa 10 minuti, aggiustandoli di sale e aggiungendo noce moscata e un po’ di pepe a vostro gusto.

Tornate ora ad occuparvi delle patate o del cavolfiore in base a quello che avete scelto. Aggiungete le due uova intere e il parmigiano. Salate e pepate senza esagerare e lavorate, fin quando il composto non risulterà abbastanza omogeneo. Aggiungete quindi le altre verdure, fino a creare un impasto regolare e unite il prezzemolo.

Ora prendete un po’ di impasto e dategli la forma e la grandezza che meglio preferite. Passatele quindi in un po’ di farina e cuocetele in padella con un filo d’olio, giusto per far fare una leggera crosticina sopra. Servitele ben calde.

[fonte articolo: giallozafferano.it, cookaround.com]

[foto: lasalsaaurora.com]