Ricetta per il panettone fatto in casa

Insieme al pandoro fa parte della tradizione dolciaria natalizia e contraddistingue la festa più attesa ed emozionante dell’anno

Panettone o pandoro? Entrambi sono due dolci molto apprezzati e ormai ampiamenti diffusi lungo lo Stivale ed esportati in tutto il mondo. Oggi vediamo la ricetta per preparare il panettone in casa, tipico dolce milanese, ormai associato alle tradizioni gastronomiche del Natale. Dal 2005 è tutelato da un disciplinare che elenca gli ingredienti e le percentuali minime affinché possa dirsi tale.

Ingredienti:

700 grammi di farina ;

250 grammi di zucchero;

225 grammi di burro;

70 grammi di scorze di cedro e di arancia candite;

200 grammi di uva passa;

2 limoni;

6 uova;

20 grammi di lievito di birra;

10 grammi di sale;

Mandorle per la decorazione.

Preparazione della pasta lievitante. Sciogliere il lievito con pochissima acqua tiepida, unire 100 grammi di farina e l’acqua utile al fine di ottenere un panetto consistente. Praticare sulla superficie del panetto un’incisione a croce e lasciarlo riposare per circa mezzora in un recipiente coperto e in ambiente caldo.

Prendere una zuppiera e inserirvi metà della parte restante di farina (300 grammi) e impastarla con la pasta lievitata. Aggiungere l’acqua necessaria ad ottenere una consistenza uguale a quella ottenuta durante la preparazione della pasta lievitante. Una volto finito di lavorarla, rimetterla a riposare nella zuppiera infarinata e coperta, sempre in ambiente caldo. Dovrà riposare finché non avrà raddoppiato il suo volume.

Una volta raddoppiato il volume dell’impasto, rilavorarlo in una zuppiera capiente con l’ultima parte di farina rimasta, il burro sciolto a bagno maria, lo zucchero sciolto per bene con i tuorli d’uovo, un pizzico di sale e la scorza grattugiata dei due limoni. Se necessario aggiungere un po’ d’acqua tipieda per avere un impasto morbido e lucido. Mescolare ed aggiungere i canditi tagliati a dadolini e l’uva passa precedentemente fatta rinvenire in un po’ d’acqua tiepida e poi asciugata ed infarinata.

È il momento di prendere uno stampo tondo e dai bordi alti e di rivestirlo con carta oleata da ungere con un po’ d’olio o burro. Disporvi quindi l’impasto, sul quale rifare sopra un taglio a croce, decorare con un po’ di mandorle spellate e, con una leggera pressione, far sì che affondino leggermente nell’impasto.

Infornare a 200 gradi per circa 10 minuti quindi abbassare la temperatura a 170 gradi e continuare a cuocere per circa 30/40 minuti.

(Immagine: www.unadonna.it)