0 Shares 13 Views
00:00:00
14 Dec

Centri autorizzati ‘rottamazione auto’ per Regioni

La Redazione
30 gennaio 2014
13 Views
Centri autorizzati 'rottamazione auto' per Regioni

Al momento di effettuare la rottamazione auto è obbligatorio per legge rivolgersi ai vari centri autorizzati nelle diverse regioni.

La rottamazione auto è un atto con cui si decide di estromettere in maniera permanente e definitiva un’automobile dal corpo dei veicoli autorizzati a circolare sulla rete stradale pubblica italiana.
Il primo passo per poter procedere alla rottamazione è la rimozione delle targhe dal veicolo per poter così procedere con la loro consegna definitiva al PRA.
Oltre alle targhe, è necessario consegnare al PRA anche il certificato di proprietà (foglio complementare) e il libretto di circolazione.
Nel caso si sia sprovvisti di uno qualsiasi di questi documenti a causa di un furto o di uno smarrimento, è imprescindibile presentare al PRA una copia conforme della denuncia resa alla polizia o ai carabinieri.

Il PRA provvederà a radiare l’auto dai registri e ad incaricarsi di distruggere le targhe per evitare che possano venire riutilizzate in maniera fraudolenta su altri veicoli.
Contestualmente alla consegna delle targhe e alla radiazione del veicolo dal PRA è necessario effettuare la sua demolizione, affinché questo non possa più circolare sulla rete stradale italiana.
In alternativa, è possibile chiedere la radiazione dal PRA nel caso il veicolo venga esportato all’estero per vendita o che sia sequestrato dall’autorità giudiziaria per debiti o per essere stato utilizzato per compiere reati.

La rottamazione auto deve essere effettuata da appositi centri di autodemolizioni autorizzati dal Ministero dei Trasporti e dalla regione in cui si trovano.
E’ da tener presente, in ogni caso, che non è necessario demolire fisicamente il veicolo per considerarlo rottamato: è imprescindibile distruggere solamente il telaio; le altre parti di ricambio possono essere smontate per essere utilizzate come parti di ricambio per veicoli del medesimo modello.
Generalmente, si procede a recuperare tutte quelle parti ancora in buono stato come pneumatici, cerchi, parti di carrozzeria che possono essere rivendute per essere utilizzate su altri veicoli simili.

Prima di portare il veicolo presso il centro di demolizione è vivamente consigliabile informarsi se è autorizzato dalla regione ad effettuare la rottamazione.
Una volta consegnato il veicolo per la rottamazione si riceve un certificato, riportante i dati del centro di demolizione, del proprietario e la data e l’ora esatta di presa in consegna.
Il certificato esonera il proprietario da qualsiasi responsabilità civile, amministrativa e penale: di conseguenza, dal momento di avvenuta consegna, si è esentati dal pagamento del bollo.

Per l’anno 2014, i costi per la demolizione sono composti da: imposta di bollo (32 euro se si possiede il certificato di proprietà, 48 se si utilizza l’apposito modello sostitutivo NP3C); emolumenti Aci (13,50 euro); 7-10 euro per il trasporto del veicolo sino all’area di demolizione.
Una spesa ulteriore, sino ad 80 euro, può venire addebitata a seconda della distanza che deve percorrere il carro attrezzi per trasportare il veicolo.
Al momento di rottamare la propria auto è comunque indispensabile rivolgersi ad uno dei centri autorizzati dalle varie regioni alla rottamazione auto.

Vi consigliamo anche