0 Shares 7 Views
00:00:00
18 Dec

La Porsche P1 in esposizione al Museo di Stoccarda

LaRedazione - 31 gennaio 2014
LaRedazione
31 gennaio 2014
7 Views
La Porsche P1 in esposizione al Museo di Stoccarda

Un team di tecnici ha recuperato e rimesso a nuovo la Porsche P1 originale, detta anche “Egger-Lohner C.2 Phaeton“, dimenticata in una fattoria austriaca ormai dal lontano 1902.

La P1 venne progettata e costruita dal ventiduenne ingegnere Ferdinand Porsche, allora al servizio del carrozziere austriaco Jacob Lohner. La Egger-Lohner C.2 Phaeton era dotata di un motore elettrico da 3 cavalli molto compatto di 130 kg che raggiungeva i 5 cavalli grazie al sovraccarico di tensione. In tal modo, la Porsche P1 raggiungeva i 35 km/h di velocità grazie anche ad una trasmissione a 12 rapporti regolabile dal guidatore.

L’autonomia totale del veicolo si aggirava intorno agli 80 chilometri; una distanza considerevole se consideriamo l’epoca.
La Egger-Lohner C.2 Phaeton era dotata di una configurazione che permetteva l’utilizzo in qualsiasi condizione climatica grazie alla versatilità della cappotta pieghevole. La carrozzeria, inoltre, era realizzata con materiali che consentivano l’utilizzo della vettura, sia nel periodo invernale, che quello estivo.

Si tratta dunque di particolari considerevoli, che hanno consentito alla modello Porsche P1 di adattarsi benissimo anche alle gare sportive. Il primo test pratico della Porsche P1 si svolse alla Mostra Automobilistica Internazionale di Berlino, nel settembre 1899. Fu esattamente il 28 settembre 1899 che La Egger-Lohner C.2 Phaeton superò egregiamente il suo primo impatto agonistico. Infatti, il 28 settembre 1899, l’auto partecipò, sempre nella capitale tedesca, ad una competizione su un tracciato di 40 chilometri ottenendo risultati decisamente sorprendenti.

La P1 di Ferdinand Porsche, grazie al suo esordio viennese del 26 giugno 1898, fu una delle prime vetture immatricolate in Austria.
L’innovazione automobilistica della Egger-Lohner C.2 Phaeton colmò la differenza fra passato e tecnologia. L’attuale Porsche 918 Spyder, infatti, tecnologicamente segue la lunga tradizione cominciata, nel 1898, proprio con la Egger-Lohner.

La Porsche P1 in esposizione al Museo di Stoccarda, arricchisce la collezione museale quale elemento storico unico e pregiato. Attualmente è collocata al centro della prima parte della mostra, denominata “prologo“. Può essere ammirata gratuitamente dai visitatori in data 1 e 2 febbraio.

Loading...

Vi consigliamo anche