Pasqua 2015, idee per apparecchiare la tavola

Idee per apparecchiare, colorare e decorare la tavola a Pasqua: ecco i consigli più utili per stupire gli ospiti in modo semplice.

Ospiti a pranzo a Pasqua? Ottima idea quella di curare la tavola magari in shabby style ed apparecchiare seguendo qualche consiglio utile.

Se avete uno spazio esterno, è ora di sfruttarlo (tempo permettendo) con accessori che, in alternativa, renderanno meno tradizionale l’ambiente interno. In entrambi i casi si giocherà d’astuzia sui dettagli.

A Pasqua, fiori ovunque per addobbare la tavola ma non solo

A Pasqua, fiori ovunque per addobbare la tavola ma non solo

L’idea di fondo è che, con la festività, si rinnova anche l’ambiente domestico di colori e calore, dopo il grigio e freddo inverno. Quindi largo a tutte le tonalità pastello e ai fiori di primavera, sulla tavola e nelle immediate vicinanze, con l’ausilio di juta, stoffe dai toni delicati e nastri.

Non può mancare ad esempio un centrotavola, composto da boccioli freschi, meglio se strettamente legati alla stagione in corso, come i rami di pesco o i primi bulbi sbocciati di muscari, giacinti, ranuncoli ecc. (il lilla potrebbe anche giocare come nuance protagonista) abbinati a cestini in tono o bianchi che siano anche segnaposto e/o sottobicchieri un po’ insoliti. Molti guarniscono il tutto poi con uova (sode ovviamente e, magari, dipinte con colori naturali) ma l’importante è non esagerare, anche distribuendole in recipienti di varia forma, trasparenti e con un nastro esterno a chiusura che possa richiamare i colori adoperati sul resto della tavola. Fondamentale il portatovagliolo. In rete si trovano idee e video su come piegarlo a coniglietto (un modo semplice e d’effetto), con o senza uovo al suo interno. Il principio è animare, ispirare il risveglio della natura anche a tavola.

In ultimo, una ricca ghirlanda di fiori (che siano freschi!) di qualsiasi forma all’esterno: appesa alla porta, è sempre un bel modo di accogliere gli ospiti a Pasqua, prima che prendano posto a tavola.

 

[foto: Youtube]