0 Shares 22 Views
00:00:00
17 Dec

Festival di Berlino: al via la 64esima edizione

LaRedazione - 6 febbraio 2014
LaRedazione
6 febbraio 2014
22 Views
festival di berlino 2014

La 64esima edizione del Festival di Berlino si apre stasera con oltre 400 film in concorso, dieci sezioni, quasi 500.000 biglietti venduti nel 2013.

La scelta degli organizzatori di presentare come prima opera in visione il film “Grand Hotel Budapest” diretto da Wes Anderson, appare veramente azzeccata.
Il film, una anteprima assoluta, e che arriverà sugli schermi italiani il prossimo 10 aprile, è la storia, ambientata nel periodo che intercorre tra la prima e la seconda guerra mondiale, di un leggendario concierge del prestigioso albergo, e della amicizia che instaura con una apprendista, Zero Moustafa, che diventerà il suo protetto. Nella trama del film entra anche il furto ed il successivo ritrovamento di un quadro del rinascimento.

“Grand Hotel Budapest” può contare su un cast di alto profilo con Ralph Fiennes, Bill Murray, Willem Dafoe, Jeff Goldblum, Lea Seydoux e Edward Norton. Il direttore del festival, Dieter Kosslick ed il suo staff, hanno organizzato un evento che punta nello stesso tempo sia sulla qualità delle opere che sulla quantità. Saranno infatti 400 le pellicole che saranno proposte alla visione degli spettatori nelle varie sezioni che compongono la rassegna berlinese, 20 delle quali si contenderanno il prestigioso “Orso d’Oro”.

Anche un altro film tra quelli più attesi sul palco tedesco, “Monuments men” ci porta nel mondo dell’arte. Diretto da George Clooney e girato proprio in Germania, è imperniato sulle vicende di un gruppo di storici dell’arte ai quali viene assegnato il compito di ritrovare i tesori artistici che le truppe naziste avevano trafugato durante la seconda guerra mondiale. Curiosamente alcuni giorni dopo il termine delle riprese, sono state ritrovate dalla finanza tedesca circa 1000 opere d’arte che venivano ritenute definitivamente scomparsa in casa di una persona, erede del trafficante Gurlitt.

Questa coincidenza è stata fatta notare da Kosslick, il quale ha asserito che soltanto il cinema “può essere così attuale”. Tra i film in concorso si segnalano quello del regista americano Richard Linklater che presenta “Boyhood” un dramma sentimentale con Ethan Hawke che ha la caratteristica di essere stato girato nel corso di 12 anni; “La voie dell’ennemi” di Rachid Bouchareb, nel quale il regista franco-algerino si è avvalso dell’interpretazione di Harvey Keitel, Forest Withaker e Brenda Blethyn, e “Krafidioten” una action-comedy diretta da Hans Petter Moland.

La presenza dei film tedeschi è di quantità e di spessore, con ben 4 film in concorso: “Jack” di Edward Berger, “Die geliebten Schwestern” diretto da Dominik Graf, “Zwischen Welten” di Feo Aladag e “Kreuzweg” di Dietrich Bruggemann. La manifestazione berlinese dà uno sguardo sul passato anche con un altro appuntamento importante, quello con la presentazione del “Gabinetto del Dottor Caligari” un film del 1920 del regista Robert Wiene, ritenuto uno dei capolavori per quanto riguarda “l’espressionismo tedesco” che potrà essere ammirato dal pubblico nella versione restaurata.

Negli anni il “festival del cinema di Berlino” ha attirato sempre moltissimi visitatori, una media di 500mila negli ultimi anni, ed è molto apprezzato dalla popolazione della capitale tedesca. Il regista Ken Loach sarà premiato con un “Orso d’oro” alla carriera, come maestro del “cinema socialmente impegnato”.

Nel cartellone del festival un solo film italiano inedito, “In grazia di Dio” diretto da Edoardo Winspeare ed inserito nella sezione “Panorama”. La giuria internazionale del “64° festival di Berlino ” è composta da James Schamus, Tony Leung, Barbara Broccoli, Greta Gerwig, Trine Dyrholm, Michael Gondry e Mitra Farahani.

Ad aprire il Concorso del festival del Cinema di Berlino 6/16 febbraio 2014 c’è l’attesissimo Wes Anderson con “Grand Hotel Budapest” mossa ben azzeccata secondo Dieter Kosslick direttore della Berlinale.

 

Loading...

Vi consigliamo anche