La meravigliosa creatività made in Italy: aiutiamo Mila!

Un progetto italiano, nato dallo sforzo di artisti di 25 diversi paesi, che ha lo scopo di proteggere i bambini dall'orrore della guerra

Non è la prima volta che su DGmag vi parliamo di crowdfunding, le raccolte fondi rivolte ai fan per creare progetti cinematografici o televisivi con il loro contributo, lo abbiamo fatto in occasione di Con Man, progetto nato dalle menti di Nathan Fillion e Alan Tudyk, che è andato in porto ed ha avuto grande successo e seguito, e ne abbiamo parlato ancora in occasione della raccolta fondi per Code 8, sponsorizzata da Stephen e Robbie Amell, che con i suoi 1,720,086 milioni di dollari raccolti, è stata la campagna canadese di crowdfunding di maggior successo della storia.

Argomenti correlati: LE SERIE TV AL TEMPO DEL CROWD-FUNDING: L’ESEMPIO DI CON MAN.

Che sia o meno per fortuna, vi abbiamo sempre indicato iniziative di una certa qualità e questa volta abbiamo pensato di presentarvi qualcosa di ancora più speciale: un progetto nato dalla mente dell’italiana Cinzia Angelini: Mila. Mila è un cortometraggio della durata di 9 minuti ideato dalla Angelini, animatrice e regista, italiana di nascita ed americana di adozione, che ha lavorato in alcune delle maggiori opere odierne di animazione tra le quali Eldorado, Minions, Principe D’Egitto, Spirit, Spider Man 2, Bolt, Kung fu Panda, Balto e Cattivissimo Me.
La storia di Mila è ispirata dai racconti della madre della Angelini, che era una bambina al tempo dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale a Trento. Un racconto nostrano quindi, ma non una storia di guerra e di soldati, come sottolinea l’autrice, bensì una narrazione che intende mostrare la sofferenza vissuta dai civili, soprattutto dai bambini, costretti a subire l’orrore della guerra e delle sue conseguenze. La Angelini ha sempre sognato di poter lavorare su una creazione tutta sua ed in particolare desiderava poter raccontare una storia che parlasse dei bambini in mezzo ai conflitti, un tema – purtroppo – estremamente triste ed attuale. Una delle cose forse più belle del progetto, inoltre, è che il team che vi lavora è composto da più di 250 artisti di 25 paesi  diversi che collaborano alla produzione del corto partita nel 2010.

Argomenti correlati: CODE 8, LA NUOVA AVVENTURA CINEMATOGRAFICA DI STEPHEN E ROBBIE AMELL.

Mila è stato presentato con una breve anteprima anche qui da noi a Roma, a Cinecittà ad aprile del 2016, con l’intento di cercare nuovi sponsor per aiutare la produzione, ma nel nostro paese non è facile trovare chi voglia sostenere iniziative del genere, anche se la Angelini è riuscita a raccogliere il contributo della Trentino Film Commission e della Fondazione Cassa Rurale di Trento.
Per questo motivo è nata la campagna Indigogo, il crowdfunding volto a raccogliere i fondi necessari per portare a compimento il cortometraggio. La campagna, che ha raccolto fino ad ora 54,305 dollari ed è al 91% del suo obiettivo di 60,000 dollari, si concluderà tra soli tre giorni ed è davvero ad un passo dal sogno.
Come ogni raccolta fondi che si rispetti, gli utenti possono contribuire con donazioni che vanno dai 5 ai 10,000 dollari, ottenendo in cambio una serie di regali o titoli che variano a seconda della donazione. Mila ha ottenuto anche l’egida dell’Unicef Italiaper il suo potente messaggio universale che proviene dall’unione di artisti da tutto il mondo, per l’eccellente qualità del lavoro e soprattutto perché la storia di questa bambina di Trento, sopravvissuta ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, rappresenta tutti i bambini che nel mondo corrono gli stessi pericoli. Bambini che a causa della guerra sono costretti a separarsi dalle proprie famiglie e a subire l’orrore della violenza, della povertà e dello sfruttamento. Come accaduto a Mila, questi bambini non hanno scelta e sta a noi proteggerli e fare in modo che crescano sani e liberi.

Esiste forse scopo più meritevole? Se, come noi, pensate che questo progetto così attuale e significativo per la nostra storia e per il bene di tutti bambini veda la luce, fate una donazione e fate la differenza, proprio come recita la campagna per Mila: #LetsMakeADifference.

Potrete seguire tutti gli sviluppi del progetto sia sul sito ufficiale del film di animazione Milafilm.com che sul loro account Twitter e sulla pagina Facebook di Mila.