0 Shares 20 Views
00:00:00
18 Dec

Steve Jobs, il ritratto realizzato con i rifiuti elettronici

LaRedazione - 20 febbraio 2014
LaRedazione
20 febbraio 2014
20 Views
il ritratto di steve jobs realizzato con rifiuti elettronici

L’arte è espressione e creatività, quindi perché non omaggiare Steve Jobs con un ritratto realizzato con i rifiuti elettronici? L’idea è venuta a un noto designer, Jason Mecier, sicuramente estimatore del genio e della creatività del padre della Mela Morsicata, che per questo collage ha utilizzato esclusivamente componentistiche elettroniche Apple. Qualunque tipo di oggetto prodotto dall’azienda di Cupertino si è rivelato perfetto per completare questo ritratto del peso di poco più di 10 kg.

La fotografia che è stata riprodotta è una delle più famose di Steve Jobs, quella che compare anche sulla biografia postuma pubblicata da Walter Isaacson, che fu scattata per un servizio dedicato al CEO della Apple per il Magazine Fortune e realizzata dal fotografo Albert Watson.

Fa un certo effetto vedere questa composizione, perché la cura dei particolari dell’autore è notevole, lo sguardo di Jobs riprodotto alla perfezione.
Tuttavia, non è la prima volta che viene realizzato qualcosa di simile, anche se, forse, non si erano raggiunti livelli di perfezione così elevati.

Già nel 2010, infatti, uno sconosciuto artista aveva provato a realizzare un ritratto del padre della Apple utilizzando vecchie componentistiche hardware:; un ritratto quasi futuristico si potrebbe dire, che però all’epoca non aveva destato tanto clamore, anche perché Jobs era ancora in vita. Voler omaggiare uno dei padri dell’elettronica moderna, così come la conosciamo oggi, utilizzando le componenti che sono state il cuore dei suoi gioielli e dei suoi prodotti, è forse uno dei sistemi più originali e adeguati per omaggiare un genio creativo come quello di Jobs, che ha rivoluzionato la tecnologia e la vita sociale con le sue idee innovative e all’avanguardia.

Avanguardia pura è anche questo stile artistico molto personale, che richiede grandissima pazienza e capacità di osservazione, oltre che creatività per riuscire a vedere nelle componenti elettroniche degli strumenti adatti a realizzare in ritratto.
La collezione di Jason Mecier è molto varia, comprende anche ritratti di Barack Obama e di Snopp Dog, per citarne due; stando a quanto racconta l’artista, sono necessarie circa 50 ore di lavoro per completarne uno.

Indubbiamente, tutte le opere realizzate con la tecnica di Jason Mecier sono straordinarie, ma nel ritratto realizzato con i rifiuti elettronici di Steve Jobs, c’è qualcosa che lo rende speciale.

Loading...

Vi consigliamo anche