0 Shares 8 Views
00:00:00
12 Dec

Festival del Giornalismo: raccolti 115.360 € grazie al crowdfunding

LaRedazione
3 febbraio 2014
8 Views
festival del giornalismo perugia

Raccolti fondi per 115,360 euro grazie al crowdfunding; cifra che finanzierà la settima edizione del Festival del Giornalismo di Perugia dal 30 aprile al 4 maggio 2014.

Ogni anno a Perugia si tiene il Festival Internazionale del Giornalismo, nato nel 2007 da un’idea di Arianna Ciccone e del compagno Chris Potter. Ogni anno, si diceva…. eccetto questo! O almeno questo è ciò che si pensava fino a poche ore fa…Il motivo? il solito: riduzione di budget e mancanza di fondi. E invece ecco l’inaspettata grande notizia per gli organizzatori: grazie al crowdfunding realizzato sul web sono stati raccolti ben 115.360 euro, una cifra enorme considerato il mezzo e lo scarso tempo a disposizione (tre mesi soltanto di raccolta fondi).

Un vero successo! Ma andiamo con ordine e vediamo come si è giunti a questa cifra record che ha ‘salvato’ il più importante evento giornalistico italiano degli ultimi anni. In sei anni di edizione il Festival ha infatti ormai raggiunto una valenza europea e mondiale, tanto che, per l’ultima edizione (aprile 2013), gli addetti ai lavori avevano parlato di “evento top”, con numeri impressionanti: 200 eventi, 500 relatori, 1500 giornalisti accreditati, 30 workshop, 120mila visite al sito web, con più di 50mila tweet in 5 giorni. Un successo che meritava di essere replicato.

Ma lo scorso ottobre arrivava la prima tegola: “Non ci sono soldi, meglio fermarsi che farlo al ribasso”, annunciava l’organizzatrice Arianna Ciccone, confermando di non avere intenzione di fare un’edizione ‘minimalista’ a causa di un budget insufficiente, proprio per rispetto verso tutti coloro che negli anni avevano contribuito all’ottima riuscita del Festival. “Fare il Festival a ogni costo pur di farlo, magari riducendo ospiti e giornate non è accettabile. O si va avanti migliorando o ci si ferma”, dichiarava Arianna.

Ma già all’indomani di queste dichiarazioni lo stesso sindaco di Perugia, Wladimiro Boccali, interveniva a gamba tesa nella questione: “Il Festival del giornalismo non deve chiudere, non deve interrompersi, deve restare a Perugia, dove è nato e dove ha potuto crescere fino a diventare una delle più importanti manifestazioni, non solo della città e della regione”. Da lì in poi si è scatenata la bagarre in rete, con una serie eccezionale di tweet, post, mail e interventi sul web che chiedevano a gran voce di non chiudere il festival: persone comuni, aficionados vari e giornalisti italiani e stranieri, tutti uniti nel promuovere una raccolta fondi sostitutiva a quella delle istituzioni pubbliche.

I numeri di oggi racchiudono pienamente questa ferrea volontà della community web. Un totale di 746 donatori: 11 individuali, 22 tra aziende, associazioni, istituzioni e fondazioni. 14 i Paesi coinvolti: Austria, Canada, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Olanda, Polonia, Russia, Spagna, Svizzera, Tailandia, Gran Bretagna e Stati Uniti.

Somma complessiva raccolta grazie al crowdfunding: 115.350 euro. Il Festival del Giornalismo vivrà grazie a “tutte le dinamiche virtuose del web e dei social”, come ha dichiarato una raggiante Arianna Ciccone.

Vi consigliamo anche