0 Shares 18 Views
00:00:00
13 Dec

Gli U2 porteranno la nuova ‘Invisible’ al Super Bowl

Gianfranco Mingione
27 gennaio 2014
18 Views
U2-SuperBowl

Musica e sport per la lotta all’AIDS. È uno degli eventi sportivi più seguiti degli Stati Uniti e si terrà il 2 febbraio 2014, al MetLife Stadium di East Rutherford, New Jersey. Parliamo del Super Bowl al quale, quest’anno, parteciperà con la presentazione di un nuovo brano, “Invisible”, la band rock irlandese.

Il pezzo è molto probabilmente il primo singolo del loro nuovo album e verrà lanciato durante uno spot nel corso dell’evento. Uno spot che ha l’intento di promuovere la collaborazione tra la band, “RED”, associazione no profit creata da Bono e Bobby Shriver nel 2006, e Bank Of America. Il fine, come già accaduto nella storia degli U2, è una grande causa benefica, ovvero la raccolta di oltre 10 milioni di dollari per combattere l’AIDS.

Il brano su iTunes in download gratuito. Una notizia che piacerà sicuramente ai fan, che potranno scaricare il brano, dopo il suo debutto al Super Bowl, in download gratuito per ventiquattro ore su iTunes. La “Bank of America” donerà un dollaro per ogni download al “Global Fund to Fight AIDS, Tubercolosis and Malaria” (Fondo globale per la lotta all’Aids, la tubercolosi e la malaria).

Il Fondo è un’organizzazione non governativa che fornisce sovvenzioni per sostenere interventi per la prevenzione delle infezioni e per fornire cure, assistenza e sostegno per le persone infette e da HIV, AIDS, tubercolosi e malaria. Secondo Bono, l’impegno della Banca d’America, che contribuirà al progetto anche con una donazione extra di dieci milioni di dollari, ha favorito ulteriori donazioni di altri grandi donatori come la “Fondazione Gates”. RED prevede di  superare la soglia di 250 milioni di dollari a favore del Fondo Globale.

Esibizioni non sempre nella norma… Tornando al Super Bowl, è da annoverare che, non sempre le performance degli artisti presenti siano andate a gonfie vele. Come nel 2011, quando a far discutere è stata l’esibizione dell’artista scelta per cantare l’inno nazionale: Christina Aguilera ha infatti sbagliato una strofa dell’inno nazionale e invece di cantare “o’er the ramparts we watched” (“sui bastioni che sorvegliavamo”) ha intonato “what so proudly we watched” (“quello che guardavamo con tanto orgoglio”).

Inutile dire che i patriottici americani presenti allo stadio si sono indignati e hanno iniziato a fischiare ed inveire contro la cantante facendo di fatto dimenticare quanto accaduto nel 2004 quando in molti si arrabbiarono perchè a Janet Jackson uscì il seno dalla maglietta dopo aver cantato con Justin Timberlake.

[foto: www.nydailynews.com]

 

 

Vi consigliamo anche