0 Shares 14 Views
00:00:00
17 Dec

Il Teatro alla Scala dà l’addio a Claudio Abbado

LaRedazione - 28 gennaio 2014
LaRedazione
28 gennaio 2014
14 Views
Il Teatro alla Scala dà l'addio a Claudio Abbado

Il Teatro alla Scala dà l’addio a Claudio Abbado, scomparso dopo una lunga malattia a Bologna lo scorso 20 gennaio.

Il tempio della musica della città meneghina ha voluto dare un ultimo saluto al direttore d’orchestra ed ha organizzato un concerto a porte aperte. Come da consuetudine quando muoiono grandi personalità musicali, la Fisarmonica della Scala ha eseguito la Marcia Funebre di Beethoven, uno dei brani musicali più suggestivi tratto dalla terza sinfonia dell’Eroica.

La Marcia è stata diretta da Daniel Barenboim ed è stata eseguita in un teatro completamente vuoto. Le porte della Scala, infatti, erano aperte per permettere al pubblico riunito in piazza di poter assistere al concerto. Circa ottomila persone si sono riunite spontaneamente dopo, l’annuncio nei giorni scorsi del concerto, ed hanno assistito in silenzio alla marcia funebre nella piazza antistante Alla Scala.

Il Comune di Milano per ricordare la figura di Abbado ha proclamato il lutto cittadino per la giornata di ieri con bandiere a mezz’asta. La giunta comunale ha anche ascoltato in silenzio la sesta sinfonia di Mahler eseguita dallo stesso Abbado con la Filarmonica nell’ottobre 2012 alla Scala, l’ultimo concerto del maestro a Milano.
Per evitare confusione e disagi sono state chiuse le strade adiacenti al teatro al traffico di auto e biciclette.

Il concerto si è tenuto alle 18 di ieri, lunedì 27 gennaio in una piazza stracolma di persone. Molti i milanesi accorsi all’evento ma anche tanti i giovani e i turisti stranieri. Claudio Abbado era diventato negli anni uno dei simboli della musica a Milano. Dal 1968 al 1986, per ben 18 anni, è stato il maestro che ha guidato la Scala.

La tradizione di suonare l’Eroica di Beethoven si ripete nel Teatro Alla Scala da oltre cinquant’anni. Prima di Abbado è stato dato l’addio musicale ad Arturo Toscanini nel 1957, a Victor Sabata nel 1967, poi a Gianandrea Gavazzeni e nel 2005 a Carlo Maria Giulini.
Molti anche i personaggi illustri che si sono confusi tra la folla, dal sindaco di Milano Giuliano Pisapia al maestro Riccardo Chailly, che presto sarà il nuovo direttore musicale del teatro.
Per la prima volta c’è stata anche la diretta in streaming dell’evento. Chi non ha potuto partecipare di persona all’omaggio funebre ha potuto vedere l’ultimo saluto ad Abbado in diretta streaming sul sito web della Scala e anche su quello della Rai, oltre ad ascoltarlo per radio.

Il Teatro alla Scala ha dato così l’addio al grande maestro Claudio Abbado, con la Marcia Funebre di Beethoven diretta da Daniel Barenboim.

Loading...

Vi consigliamo anche