0 Shares 12 Views
00:00:00
12 Dec

Spotify: Rihanna donna più ascoltata per il 2° anno

Gianfranco Mingione
7 marzo 2014
12 Views
Rihanna

Spotify celebra la Festa della Donna incoronando Rihanna come artista femminile più ascoltata nel mondo per il secondo anno consecutivo. Brani di successo come “Cheers! Drink to That” e la sua hit del 2013 “Stay” featuring Mikky Ekko, hanno aiutato la superstar Rihanna a raggiungere la vetta della classifica. La sua vita artistica è tumultuosa, così come la sua vita sentimentale che, ad oggi, secondo le ultime indiscrezioni, la vedrebbe impegnata in un triangolo sentimentale con i suoi due uomini del cuore, da anni a fasi alterne suoi fidanzati: l’ex Chris Brown e l’attuale compagno Drake.

Secondo e terzo posto. Katy Perry, star di “ROAR”, si piazza al secondo posto tra le artiste più riprodotte online mentre Lana Del Rey, il cui ultimo singolo arriva dal film Maleficent, chiude terza.

E la più popolare in Italia? Analizzando i dati, Spotify ha identificato l’artista femminile più popolare in Italia durante lo scorso anno: si tratta di Lana Del Rey. Pink guadagna la seconda posizione, mentre Katy Perry è al terzo posto.

Spotify ha creato la International Womens Day Playlist 2014, una playlist speciale per lasciare il segno nel giorno della Festa della Donna, che riunisce le donne più ascoltate nel mondo. Chissà quando vedremo entrare anche un’artista italiana in classifica e nella playlist. Per ora buon ascolto e buona festa a tutte le donne del mondo.

*Basati sui dati di streaming dello scorso anno

La classifica delle 10 artiste più ascoltate nel mondo:

1. Rihanna

2. Katy Perry

3. Lana Del Rey

4. Beyonce

5. P!nk

6. Lady Gaga

7. Taylor Swift

8. Ellie Goulding

9. Florence + The Machine

10. Miley Cyrus

*Il numero di tracce si intende a livello globale. L’ampiezza del catalogo può variare a seconda del mercato.

www.spotify.com

Rihanna si aggiudica quindi il titolo di ‘reginetta della Festa della Donna’, battendo tutte le sue rivali nella classifica stilata da Spotify.

(Foto: www.rationalresponders.com)

Vi consigliamo anche