Beach Volley: Lupo e Nicolai fino alla fine a testa alta 

E' solo medaglia d'argento per i due atleti italiani che possono comunque gioire per la straordinaria impresa compiuta in queste Olimpiadi di Rio.

Un secondo posto che ha quasi il sapore della vittoria: è quello che hanno provato Paolo Nicolai e Daniele Lupo che, nella finale di Beach Volley hanno dovuto cedere, seppur a malincuore, la medaglia d’oro ai rivali brasiliani. Ma la loro è stata comunque un’impresa sportiva degna di questo nome e che ha dimostrato quanto gli atleti del nostro Paese non abbiano niente da invidiare a quelli delle altre nazioni.

Alison Cerutti e Bruno Oscar Schmidt si sono imposti nei due tempi regolamentari, vincendo il primo set per 21 a 19, e il secondo per 21 a 17. Una partita equilibrata e che non ha visto mai una supremazia netta dei brasiliani. Ma nonostante tutto, questa finale olimpica resterà negli annali dello sport, proprio nella notte fatata di Usain Bolt, il giamaicano che è entrato nella leggenda conquistando il suo terzo oro consecutivo nei 200 metri.

Naturalmente resta un po’ il rammarico per questa sconfitta e per non essere riusciti a portare a termine l’impresa. L’oro era a un passo e lo sapevano entrambi i nostri azzurri. “Mi rode parecchio per questa sconfitta“, ha infatti ammesso a fine gara Daniele Lupo, e se a nessuno piace perdere bisogna, però, applaudire agli avversari. Adesso ci sarà da lavorare e guardare avanti perché la Federazione deve capire che l’impresa compiuta dai due italiani nel Beach Volley dovrà essere un primo step verso altri successi futuri.

Ed è proprio alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020 che Carlo Magri, attuale Presidente della Fipav (Federazione Italiana Pallavolo) sta pensando. Insieme a Lupo e Nicolai bisogna guardare avanti e “con loro e con altre coppie aiutarli ad arrivare al vertice assoluto”. Insomma, l’impresa compiuta dai due italiani è un vero e proprio tributo per il Beach Volley e gli appassionati di questo sport potranno dormire sogni tranquilli dopo le rassicurazioni di Magri.

Migliaia di italiani hanno atteso l’alba di oggi per restare sintonizzati su Rai Due e ammirare in diretta la gara. Un momento che ha sublimato lo sport e ha dimostrato che, nel nostro Paese, non è soltanto il calcio a essere appetibile per il grande pubblico, ma che c’è voglia di interessarsi anche ad altre manifestazioni sportive.

I due azzurri, a fine gara, sono stati accolti dall’applauso dei sostenitori italiani presenti in Brasile, ma anche dal pubblico avversario. Un attestato di stima che ha inorgoglito sia Paolo che Daniele. Durante la consegna delle medaglie non è mancata l’emozione, naturalmente, come ha affermato Nicolai: “Fin quando non ce l’ho avuta addosso quasi non ci credevo!“. Un argento che brilla come un oro, dunque, ed è grazie a loro che l’Italia del Beach Volley può adesso guardare con serenità al futuro.

[Foto: gazzetta.it]