Boxe, la WBO revoca il titolo a Floyd Mayweather vinto lo scorso maggio

Secondo le regole dell’organizzazione mondiale un pugile non può detenere un titolo mondiale in più classi di peso

Niente più titolo dei pesi welter per il campione Floyd Mayweather a causa della sua mancata rinuncia del titolo WBA dei superwelter. Infatti, secondo le regole dell’organizzazione mondiale (WBO), un pugile non può detenere un titolo mondiale in più classi di peso. Il pugile aveva conquistato il titolo lo scorso 2 maggio nel “match del secolo” disputato contro Manni Pacquiaio.

Purtroppo non ha comunicato entro la scadenza di venerdì scorso la rinuncia al titolo WBA dei superwelter al fine di poter mantenere il titolo dei welter nella WBO. A differenza Di quest’ultima, sia la WBA che la WBC, hanno eliminato il divieto di detenere più titoli in classi di peso diverse.

La motivazione della WBO. L’organizzazione esprime massimo rispetto per lo sportivo ma le regole sono regole ed ecco un passaggio della risoluzione del comitato esecutivo: “La WBO ha massimo rispetto per Floyd Mayweather e per tutti i risultati raggiunti nel corso della sua carriera. Ma Mayweather si è sempre affermato d’accordo e consapevole per quel che riguarda le regole a cui un campione della WBO deve attenersi”.

Nonostante Floyd Mayweather abbia la possibilità di fare ricorso entro 14 giorni, per gli osservatori è difficile che la WBO possa cambiare il verdetto emesso nei confronti del campione. A lui erano stati concessi ben due mesi di tempo per decidere in quale classe di peso continuare a gareggiare ma, a differenza di quanto affermato dopo l’incontro con Pacquiao, quando sostenne che avrebbe lasciato vacante sia il titolo dei superwelter detenuto nella WBA sia l’altro titolo dei pesi welter detenuto con la WBC, nulla è cambiato.

(Immagine: www.oasport.it)