Brandon Routh potrebbe passare a The Flash?

Gli autori di The Flash ed Arrow promettono di sfruttare al meglio l'opportunità di avere questi due show in onda insieme

Che gli autori di Arrow e The Flash amino le sfide è stato chiaro fin da subito e nel momento in cui hanno aggiunto un eroe della Justice League, Ray Palmer (Brandon Routh) alias Atomo al cast di Arrow, la cosa è stata persino più evidente.
Eppure è possibile che la trasformazione di Ray Palmer in Atomo non avvenga nello show nel quale verrà presentato per la prima volta il personaggio.

Quando è stato annunciato che l’interprete di Superman Returns sarebbe entrato nel cast di Arrow portando un conflitto nella vita professionale e privata di Oliver Queen, gli amanti dei fumetti sono entrati immediatamente in allarme sapendo che cosa sarebbe significato portare un personaggio con i super poteri di Atomo nel gioco e quando Routh ha annunciato di aver visto alcune idee per il costume di Atomo, gli animi si sono ulteriormente surriscaldati, ma adesso sembra che i produttori stiano apportando alcune modifiche al futuro di Palmer nello show.

Ray Palmer

Quando, in un recente screening, è stato chiesto al produttore esecutivo Marc Guggenheim quali fossero i piani per Ray e se i fan lo avrebbero visto ridurre le proprie dimensioni nella serie (questo è infatti il super potere di Atomo), la sua risposta è stata la seguente:

Penso che tutto sia possibile. Il mio istinto mi dice che se vedremo Ray Palmer ridurre le proprie dimensioni, avverrà in un altro show.
Con The Flash in onda non abbiamo nessuna impellenza di portare dei super poteri in Arrow. Possiamo portare in The Flash i personaggi con i super poteri. Abbiamo dei piani per Ray che non riguardano la sua capacità di rimpicciolire, ma sono comunque piani molto interessanti.

Sembra quindi evidente che i produttori di Arrow siano intenzionati a mantenere questa caratteristica della serie in cui vediamo uomini, e donne, eccezionali spingersi al di là dei propri limiti, senza però coinvolgere super poteri di alcun genere nell’equazione, il che resta comunque un aspetto molto originale ed interessante della serie.
Ciò che è certo è che portare un personaggio come Atomo in una serie TV senza sfruttarne le potenzialità sarebbe forse poco produttivo, ma considerata la risposta di Guggenheim, sembra che gli autori abbiano comunque già pensato ad una soluzione alternativa più che soddisfacente.
Per non parlare del fatto che far migrare il personaggio di Ray Palmer in The Flash, una volta conclusa degnamente la sua storyline in Arrow, farebbe sicuramente felici una grossa fetta di fan – gli Olicity – preoccupati che la presenza di questo personaggio possa mettere in pericolo la ship più amata dello show.