Fabio e Mingo: servizi falsi, la verità shock sulla sospensione degli inviati di Striscia

Gabibbo svela perché Fabio e Mingo sono stati sospesi, ma la replica dei due ex-inviati suona come una contro-accusa. E' solo l'inizio?

Svelato il mistero dietro all’allontanamento di Fabio e Mingo dalla redazione di Striscia la Notizia.

Il Gabibbo, nella serata di ieri durante il tg satirico condotto da Ficarra e Picone (in versione ridotta per dar spazio alla partita di Champions League, fra Juventus e Real Madrid) avrebbe ripreso l’argomento affermando che un paio dei loro servizi – quello su una maga sudafricana ed un altro caso su un presunto avvocato – sarebbero dei falsi. Una fiducia tradita, quindi, all’origine della grande rottura tra i due ex-inviati baresi e la squadra di Antonio Ricci.

Poca attendibilità che ha insospettito la redazione giungendo infine a concludere il rapporto e – come lo stesso Gabibbo ha ammesso durante la trasmissione, cui “… seguiranno azioni legali per accertare le responsabilità”.

Ed il nodo è infatti tutto qui: la responsabilità. Fabio e Mingo, la coppia al centro delle accuse nella vicenda, finora in totale riserbo sulla questione con numerosi no comment, ora parlano. Anzi replicano, alle accuse che pubblicamente la produzione di Striscia ha deciso di svelare. Ci siamo sempre prodigati – affermano i due, in una dichiarazione che riporta anche TGcom24 – per rendere al meglio la nostra prestazione di attori nell’ambito dei servizi, prodotti esclusivamente nel rispetto delle precise indicazioni ricevute, assecondando, sempre, gli autori del programma nella scelta e nelle modalità di esecuzione dei servizi stessi. Dichiarazioni che sembrano in breve delle contro-accuse.

Dopo due falsi scoop, la rivelazione ufficiale e la risposta degli accusati, insomma, la battaglia si preannuncia lunga fra le parti ed in gioco non sembra esserci solo l’immagine o la reputazione dei due ex-inviati.

[foto: Superstarz.com]