Il processo contro Bill Cosby si conclude con un nulla di fatto

Il giudice si è visto costretto a dichiarare nullo il processo vista l'impossibilità della giuria di raggiungere un accordo comune

La giuria chiamata negli Stati Uniti, in Pennsylvania, a decidere della sorte del celebre attore Bill Cosby nel caso che lo vedeva imputato di aggressione sessuale non è riuscita a raggiungere un verdetto.

Dopo cinque giorni di tentativi, i giurati non sono riusciti a trovare un verdetto comune sui tre capi d’accusa di aggressione aggravata contro il famoso protagonista del Cosby Show ed il giudice si è visto costretto a dichiarare il processo nullo. Secondo il procuratore distrettuale della Contea di Montgomery, l’imputato rimarrà libero su cauzione, ma il caso verrà portato nuovamente in tribunale perché Cosby venga processato una seconda volta.

Tutti i tre i capi di imputazione erano connessi ad un incontro avvenuto nel 2004 tra  Cosby ed Andrea Constand, la quale ha testimoniato che l’attore l’avrebbe drogata e stuprata nella sua casa di Philadelphia. Se la giuria avesse dichiarato Cosby colpevole, l’attore – nonostante i suoi 79 anni – avrebbe potuto rischiare una condanna fino a 10 anni di prigione.

Il processo è cominciato il 5 giugno di quest’anno ed a testimoniare contro l’attore non è stata solo la sua diretta accusatrice, ma anche Kelly Johnson, che ha dichiarato che l’attore ha drogato aggredito sessualmente anche lei nel 1996. Cosby è stato accusato del medesimo crimine da ben 50 donne, ma le sue accusatrici non hanno potuto testimoniare per la prescrizione del reato. L’accusa ha anche fatto ascoltare alla giuria la registrazione di una telefonata tra Cosby e la madre della Constand in cui l’attore le prometteva di “sistemare le cose inviando alla figlia del denaro“, una dichiarazione che secondo l’avvocato dell’accusa Kevin Steele era una schiacciante prova di colpevolezza.

L’attore non ha mai testimoniato e il suo avvocato nelle fasi finali del processo ha dichiarato che la storia della Constand era priva di fondamento e che il rapporto sessuale tra loro era stato consenziente. Nel 2005 la sua accusatrice aveva denunciato civilmente Cosby ricevendo una cifra di denaro tutt’ora sconosciuta come risultato dell’accordo tra le parti.