Il Roma Fiction Fest presenta Fargo [spoiler]

Alla presenza di Allison Tolman, protagonista della serie, il Roma Fiction Fest presenta in esclusiva la serie Fargo

L’adattamento televisivo di Noah Hawley dell’omonimo film dei fratelli Coen, vincitore di due premi Oscar nel 1996, è ambientato nel medesimo desolato paesaggio ghiacciato ed inizia con la dichiarazione che quanto verrà narrato è tratto da una storia vera, in cui solo i nomi dei protagonisti sono stati cambiati come richiesto dai sopravvissuti.

Allison_Tolman_02

La premiere di 90 minuti di questo atteso show, che si è aggiudicato ben 18 nomination agli Emmy 2014, trasmesso in esclusiva al Roma Fiction Fest domenica 14 settembre, pur facendo evidenti accenni al film, a cui ammicca educatamente, è costruita in modo tale da non ricalcarne esattamente i passi, fornendo alla serie una sua ben precisa indipendenza creativa, a partire dai tre personaggi principali.

Entrambe le protagoniste femminili, la Molly Solverson dello show (Allison Tolman nella foto) e Marge Gunderson (Frances McDormand) del film, sono curiose e insolenti, completamente dedite al proprio lavoro. Nella premiere incontriamo il personaggio di Molly insieme allo sceriffo Vern Thurman (Shawn Doyle), mentre l’uomo è pronto a tornare a casa dopo una dura giornata di lavoro, il suo secondo si prende tutto il tempo necessario per analizzare con accuratezza la scena di un incidente, che la porterà a trovare i resti di un cervo congelato nel bagagliaio di una macchina, nonché il cadavere di un uomo con indosso solo i boxer. A differenza della Marge del film, Molly non è incinta, né è lo sceriffo della cittadina.

Per quanto concerne invece Lester Nygaard (Martin Freeman) e Jerry Lundegaard (William H. Macy) entrambi hanno un tratto del carattere in comune: la timidezza. Lundegaard nel film vendeva auto, mentre Nygaard è un assicuratore, entrambi hanno vicino una compagna di vita molto dura e critica e sono personaggi perseguitati dalla sfortuna. A differenza di Nygaard, Lundegaard era più disperato e aveva bisogno di soldi, tanto da far rapire la moglie per chiedere il riscatto, mentre Nygaard ha qualche soldo da parte, ma vuole assolutamente conquistarsi un po’ di pace nella vita e così, invece di far rapire la moglie, si limita ad ucciderla con una martellata.

Lorne Malvo (Billy Bob Thornton) e Carl Showalter (Steve Buscemi) hanno entrambi indossato perfettamente le vesti dei loro personaggi, portando quella dose di umorismo necessaria alla serie per non prendersi troppo seriamente, ma i due non potrebbero essere, di fatto, più diversi. Mentre Carl è infatti riservato, Lorne tende ad essere più intenso. Carl tenta sbadatamente di coprire un omicidio e viene colto sul fatto, Lorne uccide con intenzione e copre ogni prova del suo passaggio con scientifica cura, oltre ad essere più criptico di Carl.

Sia il Fargo televisivo che quello cinematografico non sono prodotti che raccontano un mistero, lo show non è un procedurale, ma una serie dark con punte di comicità e violenza che i fan di Breaking Bad o True Detective troveranno familiari, oltre ad essere organizzata come un’antologia, il che significa che la prima stagione avrà un inizio, uno svolgimento ed una fine.
La seconda stagione, il cui rinnovo è stato annunciato a luglio di quest’anno, si concentrerà quindi su altri personaggi ed altre storie.

Fargo andrà in onda in Italia su SKY Atlantic a dicembre.