Arrow: le reazioni dei protagonisti e tutte le novità sulla terza stagione

Abbiamo raccolto tutte le dichiarazioni dei protagonisti della serie sul finale 'Unthinkable' e su cosa ci aspetta nella terza stagione

Siamo all’alba della fine della seconda stagione di Arrow, che ha lasciato tutti con il fiato sospeso a causa dell’incredibile ed inaspettato espediente che Oliver ha usato per mettere fuori combattimento Slade ed il suo esercito di super soldati.
Il 16 maggio, il giorno dopo la messa in onda del finale di stagione, a New York si sono tenuti gli Upfronts della CW ed è stata quindi la perfetta occasione per raccogliere le impressioni degli attori sull’episodio e per scoprire qualcosa di più sulla terza stagione di Arrow che – è stato confermato – andrà in onda sempre il mercoledì da ottobre del 2014 (la data esatta non è ancora stata rilasciata).

Stephen Amell su Olicity e Thea: “Pensate a quello che ha detto Oliver nel sesto episodio, cioè ‘a causa di ciò che faccio non posso stare con qualcuno a cui tengo davvero,’ e io credo che questa cosa sia ancora vera. Quindi non credo necessariamente che fosse tutta una completa finzione.” Sul futuro di Thea ha aggiunto: “Considerato che Oliver ha perso sia sua madre che suo padre, Thea sarà molto importante per lui, quindi se lei si rivela non essere quella che lui si aspetta, per lui sarà molto difficile venire a patti con questa cosa.”

Colton Haynes su Roy: “Roy è emotivamente distrutto, penso che nel futuro continuerà a scendere la china.” Per quanto riguarda il passaggio di Thea ‘al lato oscuro’, Haynes ha inoltre dichiarato: “Sembra che accadrà davvero, ma alla Arrow, quindi non si sa bene come. Puoi passare dall’uccidere qualcuno al piangere ed essere affettuoso.” L’attore ha anche parlato di cosa accadrebbe se il suo personaggio dovesse scontrarsi con Thea “La questione è questa: ho picchiato circa tre ragazze durante la stagione e nessuno ha detto nulla a riguardo. Sentivo solo dei ‘sei fantastico, sei un duro.‘ Nessuno ha fatto un commento del tipo ‘Non si picchiano le donne‘ [ride] Penso che la lascerei vincere.” Sul fatto di diventare compagno di lotta di Arrow: “Ci sta ancora lavorando, ma nella premier della terza stagione vedrete qualcosa che promuoverà il suo attuale status”.

John Barrowman su Thea: La notizia del giorno, annunciata durante gli Upfronts, è che Barrowman sarà un personaggio regolare nella terza serie e l’attore parlando del suo rapporto con Thea ha dichiarato: “Malcolm nel passato ha sempre manipolato le persone e le ha sempre controllate sia fisicamente che con il suo denaro e tutto, e quando ha perso Tommy non poteva controllarlo perché Tommy ha usato le proprie emozioni. Tommy è diventato un eroe perché era emozionalmente connesso a qualcosa. Ciò che sto facendo al momento è cercare di avere la meglio su Thea adesso che lei è così giù, così da poterla controllare e manipolare. Malcolm deve imparare come controllare emotivamente e fisicamente le persone se non le vuole perdere, ma anche se vuole costruire intorno a sé il mondo di cui ha bisogno per avere successo.” E per quanto concerne il fatto che Malcolm sia il padre di Thea, l’attore ha spiegato come sia nata l’idea: “Eravamo a pranzo con Andrew Kreisberg. Era la prima stagione, stavamo parlando del futuro di Malcolm Merlyn, siamo stati io ed il mio partner a dire ‘perché non fai di Thea mia figlia?‘ Volevano che Oliver fosse mio figlio ed io ho detto ‘No, fa troppo Guerre Stellari,‘ tipo ‘Oliver, sono tuo padre.‘ Ma se scegliete Thea allora create qualcosa di completamente nuovo, perché Oliver avrà dei grossi problemi ad uccidere Malcolm dato che sa cosa si provi a perdere un padre e non vorrà uccidere il padre di Thea. E poi avrebbe significato che avrei avuto un lavoro garantito per parecchio tempo. Yay!”

Paul Blackthorne su Quentin: “Il suo futuro è un 50/50. Vedremo cosa accadrà.” Su come reagirebbe se Laurel diventasse Black Canary ha detto: “Con Sara sapeva che ci sarebbe stato un distacco, ma [se] Laurel cominciasse a saltare per i tetti sarebbe difficile per lui da accettare.”

Katie Cassidy sulla storyline di Canary: “Se lo diventasse mi piacerebbe ovviamente essere coinvolta nel Team Arrow e nasconderla dietro le spoglie del suo alter ego. La giacca le calza a pennello, ma non faccio parte degli autori. Ma sono eccitata all’idea di vederla combattere.” Su Oliver ha detto: “Penso che abbia davvero accettato che lui sia Arrow e che glielo faccia amare persino di più ed avrebbe senso, seguendo il fumetto, che lei diventasse Canary, perché Canary ed Arrow stanno insieme. Vedremo comunque. Non si sa mai cosa gli autori scriveranno.” E su come il suo personaggio reagirebbe se il padre morisse ha aggiunto, “Sarebbe devastante, perché sono molto legati, è la persona che le è più vicina. Penso sicuramente che sarebbe molto difficile per lei, ma Laurel ne ha passate talmente tante. Se c’è qualcuno che potrebbe superare anche questa, sarebbe lei.”

Emily Bett Rickards su quel ‘ti amo’ del finale a TVLine e Zap2it: “Credo che tutti fossero sorpresi da quanto vero sia sembrato, ma lo sapremo mai? So solo una cosa, che non capirò mai l’amore. Mi ricordo che da piccola chiesi a mio padre perché ci fossero tante canzoni che parlano d’amore e che lui mi rispose che è l’unica cosa che gli uomini non capiscono.” E su come abbia reagito una volta letta sul copione la famigerata scena l’attrice ha aggiunto: “Ne avevo il sentore [ma leggerla] è stato come se il cuore affondasse, perché noi sapevamo che era tutta una messa in scena ed era tutto un ‘oh mio Dio, oh no… ohhhh, i fan… piangeranno tutti.
La Rickards era contenta di vedere che persino in quel fuggevole momento in cui Felicity ha pensato che Oliver stesse davvero facendo un’ammissione, la sua alter ego non abbia risposto subito con un ti amo?
“In realtà sono stata contenta, è suonato vero perché è stato scioccante sentire Oliver andare a parare nel bel mezzo della crisi. Dopo tutto questo tempo – 46 episodi, 2 anni – non se lo aspettava. Del tipo ‘perché stiamo nel mezzo di questa casa quando fuori c’è l’apocalisse? Dovremmo trovare dei machete! Dov’è la mia spada ninja?’ Io credo che la reazione di Felicity sia stata una [tacita] ed onesta risposta del genere ‘oh, no, aspetta…ti amo anch’io, ma…’ E più tardi sull’isola di Lian Yu, quando a Felicity e Oliver viene offerta una seconda opportunità per riparlare di quanto accaduto i loro sguardi suggeriscono che non sia stata una messa in scena al 100%, tanto che la Rickards ha dichiarato: “Penso che ci sia molto da esplorare qui,” con un occhio alla terza stagione.

E proprio per quanto concerne la terza stagione, pubblichiamo la sinossi ufficiale della serie rilasciata dal network sempre in occasione degli Upfronts.

“Dopo un violento naufragio, il milionario Oliver Queen (Stephen Amell) è andato disperso e presunto morto per cinque anni prima di essere ritrovato vivo in una remota isola nell’oceano Pacifico. E’ ritornato a casa a Starling City deciso a rimediare i torti della sua famiglia e a combattere le ingiustizie. Per farlo crea il personaggio di Arrow e si alle con l’ex militare John Diggle (David Ramsey), l’esperta di scienze informatica Felicity Smoak (Emily Bett Rickards), l’attaccabrighe Roy Harper (Colton Haynes) e l’assassina internazionale Sara Lance (Caity Lotz), mentre mantiene il segreto sulla sua identità con le persone che gli sono più vicine, come la sorella Thea (Willa Holland) che si è alleata con il suo più mortale nemico. Rivalità e lealtà cambieranno mentre Oliver affronta la sifida più grande di sempre. Basato sul personaggio che appare nei fumetti pubblicati dalla DC Entertainment, ARROW appartiene alla Bonanza Productions Inc. in associazione con la Berlanti Productions e la Warner Bros. Television, con produttori esecutivi Greg Berlanti (“Green Lantern,” “Brothers & Sisters”), Marc Guggenheim (“Eli Stone,” “Percy Jackson: Sea of Monsters”), Andrew Kreisberg (“Warehouse 13,” “The Vampire Diaries”) and Sarah Schechter.”

Concludiamo infine con una domanda – meritevole di sondaggio – che sta scuotendo da ieri il fandom di Arrow. Felicity era a conoscenza del piano ideato da Oliver prima di entrare con lui nella magione dei Queen oppure Oliver, per ottenere da lei la risposta più sincera possibile sapendo che Slade li spiava, non le aveva detto nulla e Felicity ha capito le sue intenzioni solo quando ha ricevuto dalle sue mani la freccia con l’antidoto al mirakuru?

 

'Ti amo': verità o inganno?

 

A prescindere dalla vostra risposta e dalla vostra sensazione, quali sono le prove che portate a dimostrazione della vostra tesi? Commentate e fateci sapere la vostra!