Bones: lo showrunner parla di Hodgins e della sua difficile situazione [spoiler]

Con la storia di Hodgins "stiamo analizzando tutte le diverse emozioni che una persona vive quando deve affrontare una tragedia".

Dopo una lunga attesa ed una pausa durata più di tre mesi Bones è finalmente tornato ieri seri negli Stati Uniti con l’episodio The Death in the Defense per la seconda parte dell’undicesima, nonché penultima, stagione della serie e – come c’era da aspettarsi – tutti gli occhi erano puntati sul personaggio di Jack Hodgins (TJ Thyne), alle prese con un difficile recupero che lo vede su una sedia a rotelle dopo un’esplosione sulla scena del crimine in cui è rimasto coinvolto e le cui pesanti ripercussioni l’entomologo sta ora vivendo. Nonostante il suo entusiasmo ed il suo desiderio di tornare al lavoro dopo 8 settimane in ospedale, infatti, la prognosi non è affatto benevola e sembra che Hodgins sia destinato a rimanere per sempre su quella sedia, motivo per cui – probabilmente preoccupato all’idea di essere allontanato dall’unica cosa che al momento gli dia un po’ di speranza – lui decide di mentire alla moglie Angela (Michaela Conlin) e non rivelarle la gravità della sua condizione apparentemente irreversibile.

A parlare del complesso stato d’animo in cui versa Hodgins, in un’intervista con TVLine, è il co-showrunner della serie, Michael Peterson che spiega i motivi dietro la scelta del personaggio di non rivelare la verità ad Angela e parla di come Hosdgins affronterà la paralisi nel prosieguo della stagione.

Argomenti correlati: TJ THYNE PARLA DEI TRAGICI EVENTI DEL FINALE DI METÀ STAGIONE DI BONES

C’è stato un salto temporale di 8 settimane, ma Hodgins sembrava stare molto bene all’inizio dell’episodio, mi aspettavo di trovarlo pieno di rabbia.
Stiamo analizzando tutte le diverse emozioni che una persona vive quando deve affrontare una tragedia e c’era l’intenzione di mostrare la sua rabbia, ma poi ne abbiamo parlato ed alla fine abbiamo deciso di mostrare prima di tutto il rifiuto della sua situazione, più che la rabbia. Lui decide di essere ottimista e di usare il lavoro per superare questa tragedia; è il perfetto esempio di negazione. E poi, nei prossimi episodi, mostreremo un aspetto più oscuro della cosa e Hodgins potrebbe reagire molto peggio di quanto la gente non si aspetti. Nell’episodio della prossima settimana c’è una bellissima scena in cui vediamo il mondo dalla sua prospettiva – lo vediamo guardare il laboratorio e vedere quante cose siano cambiate per lui. Hodgins si è sempre sentito fortunato per il fatto di stare con Angela, non credo che abbia mai davvero pensato di averlo meritato; è molto insicuro a riguardo e credo che la sua condizione ferisca anche un po’ il suo ego.

La cattiva notizia che riceve dal suo dottore alla fine dell’episodio: è da quel momento che comincerà a scivolare in una spirale più oscura?
Sì. Lui credeva che avrebbe ripreso a camminare… Si attaccava a quella speranza ed al fatto che avesse sentito qualcosa nelle gambe. E poi riceve questa notizia e, nonostante tutto, resta uno scienziato che si trova di fronte ad un dottore che gli dice “No, quelle sensazioni non sono vere, stai mentendo a te stesso, è tempo di accettare la verità.” Ma lui vuole avere speranza.

Argomenti correlati: GLI SHOWRUNNER DI BONES PARLANO DEL FUTURO DELLA SERIE

Ho pensato che fosse strano che Hodgins non avesse detto ad Angela che voleva tornare in laboratorio appena uscito dall’ospedale, in realtà non sapeva nemmeno lui di volerlo o piuttosto ha coscientemente tenuto nascosta la cosa ad Angela?
Probabilmente gliel’ha tenuto nascosto, non voleva che lei gli dicesse di no. Non credo che non glielo abbia detto perché è insensibile, ma voleva solo tornare a lavorare.

Poi ha continuato a mentirle anche alla fine dell’episodio, quando le dice che il risultato delle analisi è positivo, cosa dice questo del loro modo di affrontare una crisi, se lui le sta già mentendo?
Il suo primo  istinto è stato quello di distanziarsi da lei. Ognuno affronta una tragedia a modo proprio e lui è uno che affronta le cose da solo e non vuole condividere la cosa con Angela.

Brennan non riesce a capire il rifiuto di Hodgins della verità, cosa le impedisce di affrontarlo e dirgli “Non camminerai mai più!”
E’ una delle differenze che c’è tra la Brennan della prima stagione e quella dell’undicesima: è l’influenza che Booth ha avuto su di lei. Lei vorrebbe farlo, ma non lo fa grazie all’influenza di Booth.

Considerata la situazione vedere Hodgins camminare ancora potrebbe essere un miracolo?
Avrai visto in Downton Abbey come Matthew abbia improvvisamente ripreso a camminare… Beh, noi non siamo Downton Abbey. Il pubblico dovrà fare questo percorso con noi. E’ tutto quello che posso dire.