Bones: recensione dell’episodio 10×15 The Eye in the Sky [spoiler]

A un passo dal finale di stagione e, forse, di serie, gli autori mettono seriamente in pericolo la coppia Booth e Brennan

Quello che inizia come un episodio su una bellissima nota, Booth e Brennan scoprono di aspettare il loro secondo bambino, (la protagonista Emily Deschanel è — come è piuttosto evidente nella serie — in attesa del suo secondo figlio nella vita reale) si chiude su una nota molto difficile per la coppia.
Il produttore esecutivo Stephen Nathan lo aveva già anticipato, lo show avrebbe rivisitato la dipendenza dal gioco del protagonista, mostrando Booth ricadere nel vizio del gioco dopo che l’indagine dell’omicidio della settimana lo avrebbe riportato in contatto con il mondo del poker.
Nonostante l’uomo sembri finalmente essere in un periodo molto felice della sua vita, dopo aver rischiato di finire in prigione a vita ed aver perso il suo migliore amico e partner Lance Sweets, la lieta notizia dell’arrivo di un altro bambino sembra apparentemente essere una sorta di bilanciamento da parte dell’universo, che gli concede finalmente di essere sereno dopo tante sofferenze, ma il demone del gioco dimostra di nascondersi negli angoli più impensati e bui e Booth, nonostante le sue rassicurazioni di essere abbastanza forte da non ricadere nella sua antica dipendenza, inciampa proprio nel momento più inaspettato quando le indagini del caso di omicidio lo portano ad andare sotto copertura come giocatore di poker, per unirsi al gruppo con cui la vittima giocava regolarmente e scoprire chi, tra i suoi componenti, sia il suo assassino.

Sia Aubrey, che ha apparentemente letto con grande attenzione e minuzia gli appunti lasciati da Sweets che riguardano Booth, sia Brennan, che è ovviamente a conoscenza della dipendenza del marito, si dimostrano molto preoccupati per lui, ma Booth, per tutto l’episodio, non fa che rassicurarli sul fatto di essere abbastanza forte per non ricadere nella dipendenza dal gioco d’azzardo. La ludopatia però è un vero e proprio mostro e trovo che gli autori abbiano fatto un lavoro eccezionale nel mostrare con coerenza ed una notevole dose di veridicità che cosa significhi davvero essere vittima di una simile dipendenza, nessuno, Booth compreso, può mai chiamarsi davvero ex giocatore, perché il rischio di ricadere nel vizio è tanto crudele quanto realistico e può colpire quando uno meno se lo aspetta, tanto che — alla fine dell’episodio — proprio quando tutti pensano che lui sia riuscito a vincere una difficile tentazione, scegliendo di concludere il caso, piuttosto che continuare a giocare una ricca mano vincente, Booth mente alla sua famiglia e a se stesso e, con una telefonata al suo allibratore, piazza una scommessa sportiva, dimostrando come l’eccessiva sicurezza mostrata ad inizio episodio gli sia stata fatale.

Intervistato da TV Line sulle conseguenze che lo sviluppo di questa trama avrà sul matrimonio e sulla vita di Booth e Brennan, Nathan ha risposto che “è una grossa minaccia per il loro matrimonio. Tutte le nostre storie cominciano ad intersecarsi l’una con l’altra con l’approssimarsi del finale di stagione. In questo episodio Brennan scopre di essere incinta, ma è anche quello in cui Booth ha una ricaduta. Abbiamo già toccato in precedenza questo argomento delle scommesse, ma è in questa occasione che tutti i nodi vengono al pettine, perché sta indagando su un crimine che avviene nel mondo del poker illegale. Quindi tutte le storie si connettono e più avanti si intersecano con quella di Cam e Arastoo, in cui Arastoo ha un fratello in punto di morte in Iran dal quale decide di andare. Lui era stato obbligato a lasciare il paese, quindi è molto pericoloso per lui tornare e mentre Booth e Cam andranno in Iran per riportare Arastoo a casa, la questione del gioco di Booth verrà palesata a Brennan, che è rimasta a casa. Seguiremo tutto questo percorso nel resto della stagione e sarà uno strappo enorme ed un pericolo per la loro relazione, qualcosa per cui non c’è davvero una soluzione. E’ un problema in via di sviluppo.
Alla domanda se Brennan ed i colleghi di Booth si accorgeranno o meno della ricaduta di Booth, Nathan risponde che “non è una cosa ovvia. Chiunque abbia una dipendenza sviluppa anche un incredibile capacità di ingannare se stesso e nascondere i suoi problemi agli altri. E affronteremo anche questo. Aubry poi è suo partner e lavora a stretto contatto con lui, quindi vedremo anche la sua reazione, ma non voglio anticipare troppe cose.

Dopo molti anni in cui la serie ci aveva abituato ad un Booth descritto come un cavaliere senza macchia e senza paura, un protettore, un uomo che difficilmente cede al peso dei colpi che riceve, letteralmente ed in senso figurato, adesso non lo vedremo solo ricadere nel mondo del gioco d’azzardo, ma anche mentire a Brennan, alla sua famiglia, ai suoi amici e mettere in secondo piano le prestazioni sul suo lavoro a causa di queste circostanze, un Booth veramente molto diverso da quello a cui i fan sono abituati, che potrebbe non essere accolto da tutti con favore. Personalmente credo che l’incipit di questa storyline sia stata molto veritiera e ben scritta, il peggior nemico per una persona che soffra di una qualsiasi forma di dipendenza è l’eccessiva sicurezza di sé e la sensazione di essere abbastanza forte da non ricadere nel vizio, in più Booth è sempre stato un personaggio che ha raramente dato libero sfogo ai suoi sentimenti con le persone che gli sono accanto e che tende piuttosto a imbottigliare ciò che prova e a non palesarlo e sicuramente – considerato quanto ha passato ultimamente – questa sua peculiarità caratteriale non aiuterà una volta che avrà trovato nel gioco una valvola di sfogo.

Nell’episodio vediamo anche Hodgins fare un’invenzione che, gli spoiler ci avvisano, sarà molto remunerativa per lui e la sua famiglia, ma non tutto sarà rose e fiori e per lui, Nethan ha infatti anticipato che  “la seconda metà della stagione sarà importante per Angela e Hodgins, perché Angela avrebbe dovuto rimanere solo temporaneamente al Jeffersonian. Poi si è affezionata alle persone con cui stava lavorando ed il suo attaccamento a Brennan l’ha tenuta lì. Ma ad un certo punto, soprattutto dopo tutto quello che hanno passato, uno comincia a riesaminare la propria vita. E’ una cosa che succede naturalmente con il passare del tempo. La loro relazione ne ha subite tante, come quella di Booth e Brennan, e Hodgins ed Angela riconsidereranno la vita che vogliono vivere e dove vorranno viverla.” Insomma, sembra proprio che nessuno verrà risparmiato in questo fine di stagione e, senza ancora avere notizie sul rinnovo della serie, pare che i fan di Bones debbano prepararsi ad una vera e propria corsa sulle montagne russe alla fine della quale potremmo ritrovarci con dei cambiamenti davvero importanti nella serie per come l’abbiamo conosciuta ed amata fino ad ora.