Castle: Nathan Fillion parla della rottura tra Castle e Beckett

Un entusiasta Fillion parla dello show e del suo ritorno alle origini di commedia romantica

Nathan Fillion è rimasto piuttosto sorpreso quando ha saputo quale direzione i nuovi showrunner volessero prendere con l’inizio della nuova stagione di Castle e non lo ha tenuto nascosto.

Prima di tutto gli ho chiesto se avessero fumato qualcosa,” ha rivelato la star di Castle in un’intervista con TV Line.Poi loro mi hanno rassicurato, spiegandomi che lo scopo era far tornare allo show ai tempi in cui le persone facevano il tifo per la coppia e volevano che si mettessero insieme o accadesse qualcosa.

Quindi il fatto che Beckett tenga il marito a distanza, anche se apparentemente lo fa per ragioni legate ad un caso, ha lo scopo di dare al personaggio interpretato da Fillion modo di “riconquistarla“, proprio come si è visto nell’episodio della scorsa settimana che ha riportato alla luce l’antica dinamica tanto amata dal pubblico del “lo faranno/non lo faranno”.

Gli spettatori avevano il desiderio, il bisogno, di vederli combattere per qualcosa,” ha proseguito Fillion “e penso che, in questo senso, gli showrunner abbiano fatto un ottimo lavoro“. L’attore ha anche sottolineato che questa nuova dinamica ha permesso allo show di tornare ai tempi in cui il procedurale affrontava casi più leggeri e divertenti.
Una cosa a cui Terence e Alexi dicono spesso, ed io sono d’accordo con loro, è che Castle non è una serie drammatica, ma una commedia con qualche accenno di dramma e loro volevano tornare proprio quei tempi in cui lo show era quel divertente e leggero prodotto di cui tutti si sono innamorati” e se questa dinamica – in cui Castle lavora come investigatore con Alexis, mentre Beckett, Ryan ed Esposito indagano dal distretto – significa “utilizzare di più e meglio anche i personaggi secondari di cui la serie dispone,” è ancora meglio.

[Immagine: fanpop.com]