Crossover Bones/Sleepy Hollow: David Boreanaz e Tom Mison a confronto

Nel caso aveste qualche dubbio che lo strano connubio tra Bones e Sleepy Hollow possa funzionare, questa gustosa intervista dei protagonisti potrebbe farvi cambiare idea

Il crossover evento tra Bones e Sleepy Hollow è ormai alle porte e si è fatto un gran parlare di questo strano incrocio di personaggi e storie che, apparentemente, hanno molto poco in comune.
Tuttavia i pochi fortunati che hanno avuto modo di vedere in anteprima i due episodi ne parlano come di due ore di godibile e divertente spettacolo, soprattutto grazie all’incontro dei protagonisti delle due serie che hanno in comune più cose di quanto non ci si aspetti. Che la chimica tra i personaggi ci sia e sia decisamente scoppiettante è dimostrato anche da questa godibile intervista rilasciata da USA Today, fatta ai protagonisti maschili delle due serie: David Boreanaz e Tom Mison che sembrano essersela davvero spassata insieme sul set.

Bones 11x05

Cosa hai pensato dell’idea del crossover la prima  volta che ne hai sentito parlare? 
Boreanaz: non ho nemmeno preso in considerazione l’idea. La mia prima razione è stata: “Loro hanno a che fare con il soprannaturale, l’unica cosa che hanno in comune con noi è che cercano di risolvere dei misteri.” Poi, quando ho letto il copione non l’ho capito molto bene. Solo quando siamo arrivati sul set ed abbiamo cominciato a girare le prime scene mi sono reso conto che la cosa funzionava.

Mison: ho pensato che fosse un’idea terribile. Proprio come ha detto David, sono due mondi troppo diversi: il mondo soprannaturale di Sleepy Hollow contro quello pragmatico di Bones. Ma sapevo che David era davvero, davvero impaziente di lavorare con me, quindi ho detto “Sì, è un’idea grandiosa.” Poi quando siamo arrivati sul set, tutto ha cominciato ad avere senso. Quando vedi David e Nicole insieme le cose funzionano e anche io ed Emily andiamo molto d’accordo ed è sorprendente come i personaggi lavorino bene insieme. Quindi è stata più l’unione dei diversi personaggi, piuttosto che il tono dell’episodio che ha davvero fatto funzionare la cosa. E poi c’era il fatto che David desiderava davvero lavorare con me.

Boreanaz: è vero. E’ stato importante continuare a fare il nostro show nel modo in cui lo abbiamo sempre fatto e non cambiarlo per Sleepy Hollow e viceversa. Quindi le cose sono andate bene, ma credo che ciò che abbia funzionato meglio sia proprio la relazione tra i personaggi e sarà ciò che il pubblico troverà più interessante, oltre a essere il punto in comune che questi show hanno.

Mison: so che i due gruppi di autori hanno comunicato tra loro così che, in ognuno dei due episodi, i personaggi fossero rispettati e avessero le loro solite caratteristiche. Gli autori di Bones hanno scritto una buona parte dell’episodio di Sleepy Hollow e viceversa, proprio per essere certi che l’integrità dei personaggi fosse rispettata.

Boreanaz: per non parlare del fatto che Crane indossa quei cappotti lunghi che gli vorrei rubare. Voglio indossarli anche io in Bones!

Brennan e Crane hanno personalità simili, come Booth ed Abbie. Come descrivereste la dinamica tra loro? 
Mison: è stato bello sapere che Brennan e Crane non sarebbero andati d’accordo, è divertente vedere come non si piacciano. Entrambi pensano di avere sempre ragione e credono che tutti gli altri abbiano torto, quindi questa cosa crea istantaneamente un’interessante dinamica tra i due.

Boreanaz: sì, li vedi cercare di prevalere l’uno sull’altra ed è divertente vederli lavorare insieme. Con Booth ed Abbie è diverso, lui incontra qualcuno più giovane dell’FBI a cui decide di far vedere come funzionino le cose e come questo le servirà lungo il suo cammino. Poi lui vede in Abbie ciò che era lui quando ha cominciato.

Quando Crane arriva al Jeffersonian, nessuno sa come comportarsi con lui, qual è stata la cosa più divertente da girare di quelle scene?
Mison: è stato divertente girare in una diversa ambientazione, è come entrare in un sogno di Crane. C’è una battuta in cui dice sul Jeffersonian, che è esattamente come Thomas Jefferson lo avrebbe voluto. E ovviamente Jefferson era l’idolo di Crane. Quindi vedere tutto questo prendere davvero forma è una cosa che lo emoziona ed è un’esperienza di cui ama ogni minuto. Sono certo che se gliene dessero l’opportunità farebbe un altro crossover.

Boreanaz: Sì, io andrò certamente a far loro visita.

Mison: sì, vieni Atlanta!

Boreanaz: è un’idea fantastica.

Com’era l’atmosfera sul set? 
Mison: glaciale. Entrambi i team sedevano ai due lati del set guardandosi in cagnesco, come una festa della scuola con le ragazze da un lato ed i ragazzi dall’altro. Avevo già incontrato David. Ci eravamo incontrati ad un paio di eventi della Fox e sapevo che non vedeva l’ora di lavorare con me… non so se l’ho già detto.

Boreanaz: ho detto a tutti che non vedevo l’ora di lavorare con te. Continua pure, prego.

Mison: tutti gli attori ed i membri della troupe sono stati ben accolti, è stato come se avessimo lavorato insieme per anni. Il gruppo di Bones è davvero incredibile. E’ un gruppo piacevole di cui entrare a far parte.

Boreanaz: ci hanno fatto un bel discorsetto prima che arrivaste, dicendoci di essere gentili con voi, ci hanno messo in riga. Scherzi a parte, è stato divertente, è stato come “wow, che forza, dobbiamo andare ad Atlanta e girare” e per loro “no, stanno arrivando.” Ma poi noi non siamo andati e devo dire che mi è dispiaciuto. E’ stato divertente condividere le nostre storie tra una scena e l’altra su ciò che loro fanno ad Atlanta e parlare della vita di Tom – ha da poco avuto un bambino. Ad un certo punto ha voluto fermare la produzione per prendere un tè, cosa che, nel nostro set, facciamo sempre. Abbiamo l’ora del tè, quindi andavamo davvero d’accordo.

Come festeggerete Halloween? Vi fate scherzi a vicenda come fanno Brennan e  Booth? 
Boreanaz: non ci siamo fatti molti scherzi, ho pensato di portare il cuscino che fa le puzze ad un certo punto, ma poi mi sono detto “magari, la prossima volta.” Non sapevo come avrebbero reagito. Cioè, Tom ha un fantastico senso dell’umorismo venendo dall’Inghilterra. Hanno un modo diverso di guardare alle cose.

Mison: in Inghilterra non festeggiamo Halloween. Non vedo l’ora di celebrarlo alla maniera di Atlanta.

Boreanaz: come ti maschererai?

Mison: mi maschero da te. Ti ho rubato dei vestiti dalla roulotte, mi dispiace tanto.

Boreanaz: allora fammi un favore, spediscimi quegli stivali e quel cappotto e siamo pari.