Shares 0 Views
00:00:00
21 Nov

Michael C. Hall: ‘A volte vorrei che Dexter fosse morto’

Teresa Soldani
maggio 21, 2014

Ai TCA (Television Critics Association) tenutisi a gennaio del 2014, David Nevins il presidente di Showtime (il network che ha prodotto Dexter) aveva rivelato che c’era ancora la possibilità di creare uno spinoff di Dexter dicendo: “E’ qualcosa di cui continuiamo a parlare. Se dovessimo farlo, dovremmo avere unottima ragione. Dovrebbe dare la sensazione di essere un nuovo show. Non sono interessato a fare un seguito… Ne abbiamo parlato un po’, ma ancora non abbiamo deciso nulla.”
La questione è di chi uno spinoff di Dexter dovrebbe parlare, tra le tante possibilità potrebbe esserci Hannah McKay interpretata da Yvonne Strahovski’, ma quando a Nevis è stato chiesto chi, secondo lui, dovrebbe essere il protagonista, lui ha risposto: “Michael [C. Hall]. Penso che lo faremmo solo se ci fosse Michael.

Il finale di Dexter ha ricevuto moltissime critiche ma Nevis ha dichiarato che “il progetto su cui la fine di Dexter è stato concepito era molto ben congegnato. Ha dovuto sacrificare la persona che gli era più vicina al mondo ed è dovuto andar via. L’idea di uccidere il personaggio non è mai nemmeno stata discussa, le persone che costituivano la colonna portante dello show, Michael, Scott Buck, Sara Colleton… nessuno ha mai proposto l’idea. Non è mai stata discussa.
Ed in quanto al fatto se la decisione dei produttori di tenerlo in vita sia dipesa dalla possibilità di uno spinoff Nevis ha risposto: “Non lo so. Non sono sicuro. E bisogna ancora vedere se loro vorranno farlo e se io vorrò farlo. Ma comunque non hanno mai pensato che uccidere Dexter fosse il finale giusto.

L’idea che Hall possa essere il protagonista di uno spinoff su Dexter focalizzato sullo stesso personaggio della serie originale è creativamente un po’ strana, poiché normalmente si parla di spinoff solo quando uno dei personaggi della serie diventa a sua volta protagonista di un suo show ed a pensarla allo stesso modo sembra essere proprio lo stesso Michael C. Hall, chiamato in causa dal Network. in una recente intervista con IGN, l’attore ha infatti dichiarato di non aver alcun piano futuro di vestire nuovamente i panni di Dexter sebbene nella sua carriera – ha detto – ha imparato il valore del detto “mai dire mai.

E’ molto difficile per me immaginare che qualcuno concepisca un’idea tanto avvincente da fare in modo che valga la pena farlo,” ha continuato Hall. “Al momento sicuramente non sono interessato a tornare a recitare il ruolo di Dexter. Se tra un po’ di tempo qualcuno riuscisse ad immaginare un’idea che mi piacerebbe esplorare allora potrei prenderlo in considerazione. Ma al di là di questa vaga idea non so davvero cosa dire e non ho in piano di farlo nell’immediato futuro. Lo lascio nella sua baracca nel bosco.

Dexter-finale

Per quanto concerne il finale, quando gli è stato chiesto se, secondo lui, Dexter avrebbe dovuto incontrare la morte in quella tempesta Hall ha risposto: “Dexter è cambiato. Era un creativo mostro a più teste ed alcune di queste teste sono state decapitate nel corso dello show. In un certo senso è stato difficile mantenere una narrazione coesa, ma principalmente, in termini di ideazione del personaggio, una volta che ha cominciato a muoversi su un oscuro e confuso territorio più umano, per me è diventato molto difficile provare a comprendere questo concetto. Ma alla fine credo che Dexter sia sempre stato un pragmatico e, beh, egocentrico. Penso che fosse la sua versione di un gesto altruistico spinto dal riconoscimento del fatto che tutte le persone che gli erano vicine sarebbero finite con l’essere distrutte se lui avesse continuato a frequentarle. Suo padre è morto, Rita è morta… una volta che l’ha deciso, ha finto di morire ed ha cancellato la sua esistenza, ma non voleva morire. Penso sinceramente che sia stato un finale molto cupo e penso che abbia scontentato molte persone. Certamente l’instabilità dovuta alle otto stagioni può forse aver reso questo finale meno gradito alle persone. Non penso che il pubblico fosse pronto a sentirsi dire che aveva già un sentimento bivalente nei confronti dello show. Ma l’idea che si sia auto-esiliato penso che rispecchi il personaggio. E’ strano” ha proseguito Hall “A volte vorrei che si fosse sacrificato, vorrei che fosse morto, vorrei che Deb gli avesse sparato in quel compartimento del treno… naturalmente questo avrebbe reso impossibile fare un’ottava stagione.

 

Vi consigliamo anche