Scandal: recensione dell’episodio 5×01 “Heavy Is the Head” [spoiler]

L'amore tra Olivia e Fitz finalmente trionfa: ma riusciranno i due a sopravvivere all'indignazione del popolo americano per la loro relazione?

Olivia e l’unico Gladiatore sopravvissuto sono finalmente tornati e, proprio come in molti speravano, la donna sta finalmente coronando il suo sogno d’amore con Fitz… il tutto per il tempo che ci è voluto a scrivere queste poche righe, perché, non dubitatene, la loro tranquillità non durerà a lungo.

Ma andiamo con ordine, il primo episodio della quinta stagione di Scandal inizia con la diabolica Sally Langston che, dal suo show, tuona contro il presidente per lo spreco di denaro pubblico legato all’organizzazione di un ricevimento organizzato in onore del Principe Richard e della Principessa Emily dell’immaginario regno della Caladonia, ricevimento che ha ovviamente lo scopo politico di chiedere alla nazione parte del loro suolo per ospitare una base militare. E qui è dove la puntata prende la piega che forse gli autori avrebbero potuto evitare, più che altro per una questione di buon gusto, perché la Principessa Emily muore in un modo che ricalca perfettamente i tragici eventi che hanno segnato il decesso di Lady Diana, la vera principessa. Ovviamente Olivia finisce per dover risolvere lo scandalo dovuto alle foto scattate al corpo esanime della donna abbandonato sull’asfalto e che rischia di finire su tutti  i giornali scandalistici, per finire in realtà per scoprire che la donna non è morta per un incidente, ma uccisa dalla regina madre, la quale si è voluta liberare della  nuora, colpevole di avere una relazione extraconiugale con la propria guardia del corpo, dal quale aspetta un figlio. La regina, non volendo che un bastardo diventasse erede al trono, fa in modo di liberarsi del problema.
Pur dubitando che i reali di Inghilterra possano essere toccati dall’episodio di una serie TV americana, ho trovato questa particolare storyline di gusto discutibile, soprattutto quando è stata scritta con lo scopo di mostrare un’Olivia paladina della verità e della giustizia, che difende l’onore della povera Principessa, finendo però di fatto per sfruttare un tragico evento della cronaca moderna che ancora tocca molti cuori e che è considerato piuttosto delicato, soprattutto quando si accusa la regina di essere un’assassina.

A parte per l’aver sfruttato in maniera piuttosto discutibile la morte di Lady D, l’episodio è piacevole ed avvincente, come la tradizione di Scandal vuole, soprattutto per come Fitz reagisce nei confronti della (ormai quasi ex) moglie alla quale presenta addirittura le carte del divorzio, scatenando l’ira di un’incredula Olivia, la quale supplica Fitz di prendersi ancora un po’ di tempo e di non dare in pasto alla stampa la loro relazione. Fitz, che ovviamente comprende perfettamente i meccanismi della comunicazione, accetta, ma – e non poteva essere altrimenti – lo scandalo è alle porte – perché in un nuovo episodio della sua trasmissione, Sally Langston dà in pasto al pubblico delle immagini rubate all’interno dell’appartamento presidenziale in cui si vedono il presidente ed Olivia scambiarsi tenere effusioni prima della cena di Stato, gettando così la loro storia in pasto al pubblico nel peggiore modo possibile.