Serie TV: Hannibal cancellato a causa della pirateria online?

"I pirati informatici hanno ucciso Hannibal? Sfortunatamente potremmo dover attendere a lungo per avere la risposta a questa domanda."

Nonostante l’esercito di appassionati fan e critiche stellari, la serie Hannibal, trasmessa dalla NBC non è mai davvero a fare un salto di qualità in termini di ascolti. La serie ha sempre faticato a raggiungere numeri davvero significativi, fin dalla prima stagione, con il risultato che lo show, già letteralmente miracolato per 3 anni, è stato cancellato lo scorso anno, alla fine della terza stagione. Nonostante il tema e lei immagini piuttosto forti, a cui potrebbe essere attribuita la “colpa” di non aver mai fatto decollare lo show tra il grande pubblico, c’è una persona convinta che la vera ragione della cancellazione sia da attribuire alla pirateria online: la produttrice Martha De Laurentiis. La De Laurentiis ha infatti recentemente affermato che parte delle colpe per cui la quarta stagione di Hannibal non sia riuscita vedere la luce sono proprio da attribuire a coloro che scaricano illegalmente le serie TV, invece di guardarlo sulla NBC, sottolineando come Hannibal risulti essere il quinto show più piratato del 2013.

“I pirati informatici hanno ucciso Hannibal? Sfortunatamente potremmo dover attendere a lungo per avere la risposta a questa domanda. Con più di 2 milioni di spettatori che hanno guardato lo show illegalmente, è difficile non pensare che, almeno in parte, queste persone non siano responsabili per il licenziamento di centinaia di membri della troupe e per il lutto per la perdita dello show da parte di milioni di fan – che lo hanno guardato legalmente .”

 Non è facile dire se la produttrice sia nel torto o nella ragione, ma sicuramente bisogna prendere in considerazione anche il rovescio della medaglia: Game of Thrones, per esempio, è da molti anni in cima alle classifiche degli show più piratati, eppure i suoi dati si ascolto non fanno che aumentare anno dopo anno, il che fa pensare che la cancellazione non sia sempre una diretta conseguenza del furto informatico, inoltre i due milioni di persone che la De Laurentiis dice abbiano scaricato illegalmente Hannibal, non tutti vivono negli Stati Uniti o in un paese dove sia possibile guardare illegalmente lo show, di conseguenza queste persone non avrebbero potuto avere un impatto sugli ascolti, perché non avevano modo di vedere lo show legalmente.

Argomenti collegati: SDCC 2015: HANNIBAL PRESENTA RED DRAGON E DISCUTE DI UN POSSIBILE FILM.

Sicuramente quello della pirateria resta un delicato problema per le major televisive di difficile soluzione, che forse potrebbe essere risolto più aprendo le frontiere e le limitazioni alle trasmissioni degli show, che punendo la pirateria online, molti appassionati sarebbero più che disposti a pagare i network americani per vedere legalmente gli show che amano, ma trovare un accordo tra diversi paesi senza andare a scontrarsi con le leggi di ognuno di essi sembra impresa più difficile che impedire la pirateria.