Sleepy Hollow: recensione dell’episodio 4×01 Columbia [spoiler]

Comincia la quarta stagione della serie dell'occulto con nuovi protagonisti tutti da scoprire.

Non è facile capire quale sia il motivo per cui Sleepy Hollow sia ancora in vita, sembra quasi che i vertici della Fox abbiano preso la faccenda come usa sfida personale, ma lo show, dopo una buona prima stagione ha avuto costanti cali di ascolti e contenuti, culminando con la conclusione della scorsa stagione in cui la co-protagonista della serie, Nicole Beharie, che interpretava il personaggio di Abbie Mills, muore eroicamente per chiudere il vaso di Pandora e salvare il suo amico Ichabod Crane (Tom Mison). Sebbene l’eccentrico patriota venuto dal passato con i suoi modi da gentiluomo ed il suo perfetto accento inglese sia sempre stato l’indiscusso protagonista della serie, per uno come questo, in cui la chimica tra i due protagonisti era stata essenziale per il successo della prima stagione, l’uscita di scena della protagonista femmine ha posto un problema di non poca importanza e forse una sfida che gli autori hanno volto accettare per vedere se, con una nuova ambientazione e nuovi personaggi, sarebbe stato possibile salvare lo show. Gli ascolti piuttosto disastrosi della première della quarta stagione dicono il contrario, ma è anche plausibile che al pubblico possa servire ancora un po’ di tempo per accettare i cambiamenti di questa nuova stagione che possiamo analizzare assieme.

Il finale della terza stagione ci aveva lasciato con alcuni uomini del Governo (non ben identificati) che chiedevano a Crane di seguirli, nella première scopriamo che – in realtà – per tutto questo tempo Ichabod è stato loro prigioniero e che si trova a Washington D.C. sottoposto ad una serie di interrogatori sulle sue avventura a Sleepy Hollow. Crane riesce a fuggire e, resosi conto di trovarsi nella capitale del paese, incontra la sua nuova partner, l’agente della Sicurezza Nazionale Diana Thomas (Janina Gavankar), ex Marine con una figlia di 10 anni che, per un motivo a noi ancora sconosciuto, ha smesso di parlare e che soprattutto nasconde un segreto che riguarda molto da vicino il nostro Crane.

Quando Diana d il suo partner Eric vengono chiamati ad investigare sulla scena di un crimine presso il Lincoln Memorial al quale è stata decapitata e trafugata la testa, Eric viene aggredito da un demon e ucciso e Crane salva la vita a Diana poco prima che anche lei subisca lo stesso destino del partner. Nonostante la donna abbia visto il demone, comprensibilmente rifiuta di credere alla possibilità che chi ha ucciso il suo partner sia una vera identità malefica e, con qualche reticenza, accetta di lavorare con Crane per scoprire l’assassino. Ichabod le si presenta come un consulente storico e, almeno per il momento, non le dice di provenire dal passato.

Ci viene anche introdotto quello che sembra sarà il grande cattivo della stagione, un certo Malcolm Dreyfuss, personaggio di spicco della capitale che si diletta di riti oscuri, nonché il responsabile del furto della testa della statua di Lincoln, nella quale troverà un pezzo di qualcosa che, apparentemente, sembra essere per lui molto prezioso.

Crane e Diana si avvalgono dell’aiuto di altre new entry nella serie Jake Wells (Jerry MacKinnon) e Alex Norwood (Rachel Melvin), unici membri della Agency 355, una sorta di agenzia segreta fondata ai tempi di Crane per vegliare su eventi soprannaturali ed inspiegabili, ancora attiva ai giorni nostri. Grazie ai manuali conservati nella loro fornitissima biblioteca, si scopre che la creatura che stanno cercando era stata evocata da John Wilkes Booth per uccidere il presidente Abraham Lincoln. Il nuovo e sgangherato gruppo esce per combattere il demone, ma a salvare la situazione e le loro vite, arriva fortunatamente la sorella di Abbie, Jenny Mills e l’episodio finisce con Diana  che torna a casa dalla figlia la quale, ad insaputa della madre, nasconde un diario segreto in cui sono racchiusi dei ritratti fatti dalla bambina di un uomo che altri non è che il nostro Ichabod Crane. Ma perché Molly ne conosce il volto?

Morta Abbie, e come ribadisce Jenny, Crane deve trovare la nuova testimone, con la quale combattere le forze del male, è possibile quindi che, diversamente da quanto sembri, sia la piccola Molly invece della madre? Questo sarà un mistero che, immaginiamo, la serie ci metterà un po’ a sciogliere, in quanto alla nuova protagonista femminile, al momento sospendiamo il giudizio perché non ci è stato dato modo di conoscerla davvero, sebbene abbia molti punti in comune con Abbie, entrambe fanno parte delle forze dell’ordine ed entrambe sono due dure, due donne pronte a combattere, anche se Diana, a differenza di Abbie, non sembra avere molti legami con il mondo dell’occulto.

Tutto sommato l’episodio è stato piacevole, ma considerati gli ascolti dubitiamo che questo show possa andare oltre questa stagione, anche se va ammesso che questa è una considerazione che sarebbe stata considerata valida anche per tutte quelle che hanno preceduto e che, nonostante questo, Sleepy Hollow è stato sempre rinnovato.