Dal 24 ottobre temperature estive e caldo torrido

Nei prossimi giorni, caldo e temperature africane in gran parte dell'Italia: anomalia climatica o il ritorno dell'estate?

I meteorologi hanno diffuso in queste ore la notizia di un ritorno del caldo africano che colpirà l’Italia a partire dal prossimo 24 ottobre. Un aumento delle temperature causato da particolari condizioni climatiche e che porterà alcune regioni della nostra amata penisola a sfiorare i trentaquattro gradi. Un caldo anomalo, visto il periodo autunnale, che gli esperti spiegano con l’aumento della bassa pressione proveniente dalle zone atlantiche che richiamerà aria calda dall’Africa.

Già da domenica 23 ottobre l’aumento delle temperature si farà sentire in molte regioni d’Italia, anche se al Nord i venti freschi provenienti dal Portogallo manterranno la media stagionale. In alcune zone della nostra penisola sarà possibile raggiungere i ventotto gradi, determinando valori stagionali ben oltre la media. L’arrivo dei venti caldi di Scirocco, però, si sentirà con maggiore intensità nella giornata di lunedì, quando i gradi raggiunti in alcune zone del Meridione, e soprattutto sulle Isole, saranno trentadue.

Temperature estive e caldo torrido sono previste per i prossimi giorni e caratterizzeranno quest’ultimo scorcio del mese di ottobre come quello più caldo di sempre. Gli esperti stanno monitorando la situazione ed è importante capire che il clima è sottoposto a eventi mutabili che possono modificare qualsiasi previsione, anche quella più accurata.

Dovremo dire addio all’autunno e prepararci a un eventuale ritornare al mare con il recupero di costumi e ombrelloni? Gli esperti dicono di no e invitano a mantenere la calma, precisando che questa situazione durerà solo pochi giorni. Il caldo, infatti, lascerà presto spazio alle solite temperature autunnali che poi, nei prossimi mesi, favoriranno l’arrivo dell’inverno.

Se queste anomalie climatiche e l’arrivo del caldo africano provocheranno giornate miti caratterizzate da bel tempo, con il ritorno alla normalità stagionale gli sbalzi di temperatura che ci saranno aumenteranno le possibilità di incappare in raffreddori e influenze. Per questo motivo è bene controllare le previsioni meteo delle nostre regioni e vestirsi sempre in modo adeguato per prevenire qualsiasi inconvenienza.

[Foto: FIRSTonline]