0 Shares 19 Views
00:00:00
17 Dec

Energia rinnovabile: in arrivo batterie low cost

Michela Fiori - 13 gennaio 2014
Michela Fiori
13 gennaio 2014
19 Views

Batterie low cost per immagazzinare l’energia prodotta da fonti rinnovabili. E’ il sogno degli operatori del settore e di chi crede in un’energia più pulita. Sogno che potrebbe essere realizzato a breve e che potrebbe aiutare a combattere l’inquinamento atmosferico.

L’utilizzo dell’ energia da fonti rinnovabili è una necessità a cui tutti i paesi prima o poi dovranno dare ascolto. Considerata la natura limitata del petrolio trovare soluzioni alternative più che una mania da ambientalisti integralisti è un impegno a breve scadenza. Uno dei limit delle energie rinnovabili però è il flusso di energia che non è costante ma può cambiare a seconda di diversi fattori ambientali: scarsità di luce per i pannelli solari o di vento per le pale eoliche. Questa tipologia di fonti infatti può produrre energia in modo discontinuo e in quantità molto diverse a seconda del momento della giornata.

Dall’Università di Harvard però potrebbe arrivare la soluzione definitiva al problema. Un gruppo di ricercatori ha messo a punto le prime batterie di flusso organiche a basso costo. Se portato  a regime il sistema di immagazzinamento consentito dalle batterie low cost permetterebbe infatti di sopperire alle richieste di energia e di poter fare affidamento sulle fonti rinnovabili. Nelle batterie di flusso tradizionali vengono usati materiali elettro-attivi in grado di produrre energia. I materiali, stipati in serbatoi esterni, consentono di avere un flusso di energia modulabile e costante.

Nelle batterie a flusso low cost dei ricercatori di Harvard ai materiali elettro attivi (molto costosi) vengono sostituiti  molecole organiche facili da reperire e molto economiche che esercitano la stessa funzione. Le prestazioni al momento non sono le stesse ma l’invenzione apre scenari nuovi allo sviluppo di accumulatori di energia su larga scala.

 

 

Loading...

Vi consigliamo anche