Inquinamento: l’Italia tra i paesi più inquinati al mondo

Un'aria troppo inquinata avvolge il mondo e l’Italia. Ad affermarlo uno studio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Un tema da sempre poco trattato dai mass media e dalla politica

Un respiro mortale. Secondo lo studio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sulle aree più inquinate nel mondo, il nostro Paese non se la passa certo bene. I dati raccolti dall’OMS destano molta preoccupazione perché nella sintesi espressa dalle cifre sono racchiuse le nostre vite, la nostra salute. E, a quanto pare, le cifre riportate nello studio parlano chiaro e affermano che il 92% delle persone sulla terra (oltre 9 persone su dieci) respirano aria troppo inquinata. Gli effetti derivanti dal respirare un’aria inquinata si traducono in milioni di persone che cadono vittime di patologie croniche o muoiono per colpa dei solfati, nitrati e carbone. Tutte sostanze tossiche che s’infiltrano invisibili nei nostri polmoni, nei nostri corpi, e ledono anche mortalmente la nostra salute.

Per l’OMS l’Italia è tra le aree più inquinate al mondo. Il Paese della pizza, del sole, del mare, di poeti, santi e navigatori rientra purtroppo tra le aree più inquinate al mondo. In Europa occidentale non ci sono paesi che respirano male come noi: nessuna zona italiana ha aree pulite come accade, invece, in Francia, Spagna, Irlanda, Gran Bretagna e Paesi Scandinavi. Una nebbia pericolosa avvolge l’Italia e la Pianura Padana ed è il nostro territorio a detenere il record di inquinamento atmosferico pari a paesi come la Cina e l’India (indicato nella mappa con il colore rosso). Dobbiamo spostarci nell’Europa dell’Est, nel sud della Romania e nel nord della Serbia, per ritrovare zone avvolte dal pericoloso colore rosso. Il rassicurante color verde non avvolge, purtroppo, nessuna parte dello Stivale.

mappa-oms-Italia-tra-i-paesi-più-inquinati

L’Italia tra i paesi più inquinanti al mondo

Scarsa attenzione da parte dei mass media e mancanza di politiche a riguardo. I mass media non ne parlano come dovrebbero e molto probabilmente, se i risultati sono questi, c’è ancora una scarsa azione a livello di politiche nazionali che possano far uscire l’Italia da questa squalificante zona rossa. Un colore pericoloso che sta nuocendo più che mai alla nostra salute. Basti solo pensare che i morti da PM10 e PM2,5 nel Vecchio Contiennte si concentrano nel nostro Paese. Nel 2012 hanno perso la vita, a causa dell’inquinamento, 85mila italiani.

(Foto: Sky TG24)