Trading forex: cos’è e come si guadagna

Se vi siete interessati anche solo una volta al mercato borsistico e valutario, certamente vi sarete imbattuti nel trading forex

Cos’è il trading forex? Linguisticamente è la contrazione di foreign exchange market, vale a dire il mercato valutario internazionale in cui è possibile scambiare le valute internazionali, puntando su un loro rafforzamento o su un loro indebolimento. E’ proprio in questo modo che l’investitore cerca di remunerare il capitale investito: si punta una determinata somma scommettendo sul rapporto tra due valute, vale a dire si ipotizza che una certa valuta si apprezzerà o si deprezzerà rispetto ad un’altra moneta.

Si tratta di una forma di speculazione attraverso la quale il margine di guadagno è dato dalla variazione delle monete, ovviamente partendo dal presupposto di aver correttamente puntato sull’apprezzamento o sul deprezzamento della valuta.

Il forex è un mercato che attualmente muove quattromila miliardi di dollari al giorno e vede come protagonisti principali le banche centrali, le grandi banche commerciali, i grandi investitori internazionali.
Il forex però non è esclusivamente destinato a professionisti, banche, grandi investitori, ecc., ma è un mercato aperto ad accogliere anche i privati ed investimenti di qualsiasi consistenza, perfino pochi euro.

Apparentemente guadagnare attraverso il forex non sembra una missione impossibile, può addirittura sembrare semplice. In realtà, seppur certamente il meccanismo sia tutt’altro che complesso, è necessario acquisire una certa conoscenza ed una certa esperienza, munirsi di sangue freddo e non lasciarsi trasportare dalla frenesia e dalla voglia di rifarsi immediatamente, qualora un investimento non si fosse trasformato in un guadagno.

Cercando di capire più nel dettaglio il funzionamento del forex, la prima cosa da comprendere è che il meccanismo si basa sempre su una coppia di monete, di cui una si vende e l’altra si compra. La prima cosa da fare, per un neofita, è quella di iscriversi ad un sito di forex e approcciarsi al mercato attraverso la demo, allo scopo di acquisire dimestichezza. Occhio però a non pensare di essere diventati esperti, poiché nella demo non si guadagna ma neanche si perde, mentre nel mercato reale, l’idea di spostare realmente una propria somma di denaro rischia di compromettere la nostra lucidità.

Ecco che un aspirante trader può affidarsi o a software creati proprio dagli intermediari che seguono algoritmi studiati per remunerare il capitale nel medio lungo periodo (si tratta di software continuamente aggiornati ed i migliori sono a pagamento), o affidarsi ad un intermediario in carne ed ossa cui si ripone la nostra fiducia.
In ogni caso una idea da non scartare è fissare un tetto di perdita, utile soprattutto se si fanno gestire le nostre operazioni ad un software. In questo modo avremo la garanzia di non perdere tutto il nostro investimento.

Infine quando ci si approccia ad un sito di forex, controllate che sia approvato da meccanismi quali la Consob, ma soprattutto CySEC, al fine di garantirvi che state investendo attraverso meccanismi riconosciuti e certificati.

Trading forex è dunque una opportunità per investire e remunerare il proprio investimento. Valgono alcuni consigli: affidarsi a siti seri, provare le demo per un determinato periodo di tempo e acquisire dimestichezza col mercato, informarsi, evitare di investire a caso o spinti dalla voglia di rifarsi subito da una perdita eventuale, ricordarsi che non si può sempre vincere e che qualche perdita ci sarà, ma conta il trend nel medio lungo periodo.