Attenzione a questi simboli: i ladri li usano per svaligiare le case

Simboli e lettere utilizzati dai ladri in fase di sopralluogo con i quali catalogare le case da derubare. Ecco la lista a cui prestare attenzione

I ladri continuano ad utilizzare un proprio linguaggio fatto di lettere e simboli lasciati fuori le abitazioni, al fine di catalogare le case da derubare. Ecco i simboli adoperati che, se doveste trovare fuori la vostra abitazione, potrebbero indicare un’eventuale sopralluogo svolto dai ladri.

Simboli e figure geometriche:

Triangolo: questa figura geometrica indica che nell’abitazione vive una donna sola;

Scala orizzontale: quest’altro simbolo descrive la presenza di cani;

X: questa lettera sta a significare che la casa è un buon obiettivo per i ladri.

Giorni della settimana in cui effettuare il colpo:

C: la terza lettera dell’alfabeto indica invece che l’abitazione è ricca;

D: sta ad indicare che il momento migliore per fare il colpo è il giorno festivo per eccellenza, la domenica;

N: si scende poi in fondo all’alfabeto, con la lettera N, che indica ai ladri quando entrare in azione durante la giornata, ovvero la notte;

M: ma se in casa non c’è nessuno di giorno, ecco che il momento migliore per derubare dei poveri malcapitati diventa il mattino, segnalato con la lettera M.

I fiocchi, l’ultima innovazione. L’ultima innovazione nel linguaggio adoperato dai ladri riguarda l’utilizzo di fiocchi di vari colori. Questi vengono apposti in maniera diversa sui cancelli delle ville o sui pali dell’illuminazione vicini alle abitazioni prese di mira. Se il nastro è di colore rosso o giallo potrebbe voler dire che la casa è ricca mentre se è di colore bianco che la casa non merita l’attenzione dei ladri. La posizione del fiocco, invece, indica l’eventuale presenza di persone: se posto in alto significa che nell’abitazione sono presenti degli adulti, se posto in basso vuol dire che ci sono solo anziani. Il fiococ messo a terra sta ad indicare che nella casa non c’è nessuno.

Consigli utili su come comportarsi. Le forze dell’ordine raccomandano di chiudere bene la porta di casa, gli infissi, le persiane o gli avvolgibili. Se si è in casa da soli non aprire la porta ad estranei e dotarsi di porta blindata con lo spioncino, attraverso il quale poter vedere chi è che sta bussando (se si è in un palazzo può essere utile anche un videocitofono).

Non lasciare mai inserita la chiave nella toppa perché i ladri potrebbero agganciarla e farla girare. Se si abita al piano terra o rialzato, si può prendere in considerazione di predisporre le finestre con vetri antisfondamento e le grate. Un altro consiglio utile è quello di evitare di accludere targhette con nome e indirizzo di casa al proprio portachiavi: se lo si smarrisce i malviventi potrebbero trovare il vostro appartamento e derubarvi.

(Fonte: www.targatocn.it)

(Immagine: nuovabrianza.it)