0 Shares 17 Views
00:00:00
16 Dec

Tatuaggi: gli aforismi più diffusi

LaRedazione - 5 gennaio 2014
LaRedazione
5 gennaio 2014
17 Views
tatuaggi aforismi

C’è chi si tatua per moda e chi lo fa per marchiare in modo indelebile una tappa di vita importante, così gli aforismi diventano l’oggetto principale dei tatuaggi. Sempre più spesso la pelle diventa un vero e proprio libro, dove ci si fanno tatuare frasi dal significato profondo. Frasi che il più delle volte hanno accompagnato una parte del percorso di vita o che, semplicemente, incarnano un ideale in cui si crede profondamente.

Gli aforismi diventano dunque fonte di ispirazione e non importa se siano frasi di canzoni, poesie, discorsi evocativi o semplicemente parole sparse, perché l’importante è quel che si dice e non chi lo dice.

Tra le frasi di canzoni senza dubbio più tatuate egli ultimi tempi in Italia c’è un verso scritto da Vasco Rossi per Fiorella Mannoia, una vera e propria poesia in musica che tante persone fanno propria per il significato profondo che racchiude; la canzone è Sally e il verso è “Perché la vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia“; c’è chi ne sceglie una parte, chi l’altra, chi entrambe, ma resta un inno universale molto amato.

Non si può poi non citare Ligabue, uno dei poeti dei nostri tempi che sa sempre come parlare ai giovani e a quelli che non giovani non lo sono da tempo e, tra i suoi versi più celebri che si vedono più spesso tatuati sulla pelle, c’è senza dubbio “Il meglio deve ancora venire”.

Ci sono poi le frasi classiche, quelle tratte dai libri latini, evocative e dense di forti richiami all’eroismo romano: ‘Carpe Diem’, ‘Multi hostes, magnus honor’, ‘Omnia vincit amor’ sono solo alcune di un vasto repertorio a cui si tende ad attingere per i tatuaggi.

Non sono pochi, poi, quelli che invece si lasciano ispirare dai grandi poeti classici, italiani e non, i cui versi sono da sempre delle odi all’amore e alla vita. Versi che si trasformano il più delle volte in piccole ancore di salvataggio per chi si trova a leggerle in situazioni particolari della propria vita di cui, una volta usciti, si vuole mantenere il ricordo indelebile. Si utilizzano proprio quelle frasi scritte sui libri decine e centinaia di anni fa per un tatuaggio, perché è forte il segno che hanno lasciato.

Tra i poeti italiani senza dubbio più apprezzati e da cui trarre aforismi per i tatuaggi c’è Gabriele d’Annunzio, il poeta maledetto, le cui poesie sembrano scritte da un giovane uomo di questi tempi talmente sono attuali. Tra i versi del d’Annunzio più utilizzati per i tatuaggi ci sono senza dubbio: “Ama il tuo sogno se pur ti tormenta” e “Ardisco non ordisco”.

Frasi, dunque, pezzi di vita per alcuni, poesie intramontabili per altri, che meritano di restare per sempre sulla pelle come su un libro; questi sono solo una piccola selezione degli aforismi più diffusi per i tatuaggi, anche perché chiunque può trovare un significato profondo in una frase che per altri non significa nulla.

Loading...

Vi consigliamo anche