Zanzare: le piante e i rimedi naturali per contrastarle

Incubo zanzare? Ecco alcuni rimedi naturali per tenere lontano il ronzare delle zanzare, o da applicare sui morsi per lenirne il fastidio e il gonfiore

Arriva finalmente il caldo estivo, il sole, il mare e… le zanzare! Per alcuni il ronzio e il morso fastidioso di questi insetti, si rivela una vera piaga durante la bella stagione.

Però non tutti sanno che è possibile tener lontane da casa o dalla propria persona la zanzare con i giusti rimedi naturali. Alcuni odori ed essenze della natura riescono infatti a repellere questi ditteri, mentre ve ne sono altre che, applicate direttamente sulla puntura, possono agire da lenitivo e far rientrare il gonfiore e il prurito. Potrete dire finalmente addio a insetticidi o repellenti chimici insomma.

Il basilico e l’aglio sono notoriamente dei repellenti naturali per zanzare. In passato si usava anche tagliare uno spicchio d’aglio e spalmare l’acido sul morso per lenire il gonfiore. Certo, se proprio l’aglio non emette un odore di vostro gradimento, il basilico saprà come agire da repellente e al contempo profumare anche l’ambiente domestico.

Sono in molti a scegliere di coltivarne in vaso e posizionare direttamente sul davanzale della finestra la pianta desiderata; sarebbe più indicato coltivarle in giardino facendo dei bouchet concentrati, ma sappiamo benissimo che non tutti hanno la possibilità di farlo per cui anche in vaso va bene.

Stesso discorso vale per piante come la menta, la lavanda o il geranio citronella, grazie al loro odore forte infatti, se ne può far largo utilizzo e di certo ci aiuteranno a  farci godere qualche bella giornata di sole senza per forza chiudere e serrare le nostre finestre di casa. In alternativa alle piante, in vendita si possono trovare candele all’essenza di citronella, ideali da accender di sera – durante i falò o i ritrovi notturni – per non far avvicinare gli insetti.

Anche una cipolla tagliata in quattro parti, lasciata su un piattino in casa, saprà come allontanar le zanzare, come pure dei chiodi di garofano distribuiti per casa. La nonna, invece, avrebbe adottato il rimedio dell’aceto e limone: in un piattino, da lasciare sul davanzale della finestra oppure nei punti strategici della casa.
Inoltre, alcuni comuni anche in Italia hanno escogitato metodi alternativi chiedendo aiuto al mondo animale: a Milano, qualche tempo fa, vennero costruiti veri e propri rifugi per pipistrelli – che son notori cacciatori di zanzare – in vari parchi.

Inoltre c’è chi preferisce tenere in casa rettili divoratori di zanzare come il geco, e chi invece preferisce far proliferare i ragni che intessono tele dove di solito le zanzare vanno ad impigliarsi…
Naturalmente, per evitare che le zanzare nidifichino, occorre prender di base qualche precauzione, come ad esmpio evitare che si formino acque stagnanti nel giardino (o in casa!).
Insomma, non mancano i rimedi naturali per combattere le zanzare senza l’ausilio di insetticidi – tossici per l’uomo e dannosi per l’ambiente. Basta prendere qualche accortezza e l’estate scorrerà certamente in maniera più serena, senza più fastidiosi ronzii nelle orecchie, soltanto flussi floreali di buon odore proveniente da piante che aiutano in maniera naturale a contrastare le fastidiosissime zanzare.