Primo giorno di primavera tra eclissi e una festa antichissima

Finisce l’inverno e si aprono le porte della stagione delle fioriture e del clima mite. E a darle il benvenuto c’è anche l’eclissi solare

Stanotte arriva la primavera. Alle ore 23.57 italiane entreremo ufficilamente nella stagione primaverile, lasciandoci alle spalle il generale inverno. Un inizio che coincide anche con l’eclissi che questa mattina ha carratterizzato i cieli di gran parte del mondo e anche dell’Italia. L’Equinozio di primavera assieme a quello d’autonno è uno dei momenti dell’anno in cui la notte e il giorno sono in perfetto equilibrio. La parola equinozio deriva infatti dal latino e sta per “aequus nox” (notte uguale).

La stagione della rinascita. L’equinozio di primavera, a differenza di quello autunnale che segna l’inizio della metà oscura dell’anno, sta ad indicare invece la stagione della rinascita. Gli equinozi e i solstizi sono protagonisti dei ritmi della natura e dividono l’anno solare in quattro parti uguali. L’equinozio è anche fonte di molte leggende e di una festa antichissima ancor oggi praticata.

La natura si rimette in moto e gli uccelli nidificano. Non è difficile pensare che alla rinascita siano legati concetti molto importanti sia laici che religiosi come fertilità, risurrezione, nuovo inizio. Tutto si rimette in moto in natura, con la fioritura di alberi e piante, e tutto ricomincia nel regno degli animali con la costruzione dei nidi e l’accoppiamento degli uccelli.

La più antica festa di primavera. Se risaliamo indietro nei millenni, a 4700 anni fa, ritroviamo la più antica festa di primavera: Sham El Nessim, che significa “fiutare il vento”. Questa festa era praticata al tempo dei Faraoni e secondo gli antichi Egizi tale data rappresentava l’inizio della creazione. Questa festa è vissuta tutt’oggi dagli egiziani che nel giorno di Sham El Nessim la festeggiano con picnic all’aria aperta, mangiando pesce salato, un simbolo di fertilità e benessere, semi di lupino, lattuga, uova e cipolle verdi.

(Immagine: www.uniteddogs.com)