Spazio: gli appuntamenti da non perdere ad ottobre 2015

Alcune date importanti per ammirare la volta celeste con i suoi pianeti, meteore, comete e congiunzioni

Appuntamenti importanti per gli appassionati del cielo. Ecco tutte le date da segnare in calendario per non perdere l’avvistamento di pianeti, congiunzioni, meteore e comete.  Maltempo permettendo!

Pianeti: Mercurio, Venere, Marte e Giove in un colpo solo. Il giorno migliore per avvistare Mercurio è il 16 ottobre, quando il pianeta sorgerà un’ora e mezza prima del sole. Anche Venere sarà ben visibile di notte e attraverserà la Costellazione del Leone. Stessa cosa per Marte, balzato alla cronaca in questi ultimi giorni per la recente conferma della Nasa della presenza di acqua e della possibilità che si siano sviluppate forme di vita. Per chi vorrà osservarlo, si troverà un po’ più in basso sull’orizzonte orientale. Anche Giove sarà visibile all’alba.

Urano, che dal 12 ottobre sarà in opposizione al sole, si potrà ammirare meglio grazie ad un telescopio mentre Nettuno si potrà osservare anche ad occhio nudo.

Congiunzioni: si inizia l’8 ottobre, con la Luna calante accompagnata dal pianeta Venere e dalla stella Regolo. Il 9 ottobre la Luna sarà accompagnata da un terzetto di pianeti composto da Venere, Marte e Giove. La Luna sarà ancora protagonista la notte dell’11 ottobre, quando sarà vicina a Mercurio. Il 16 invece incontrerà Saturno subito dopo il tramonto. Altri appuntamenti riguardano quello tra Marte e Giove il 17 ottobre, vicinissimi al sorgere del sole, e quello tra Venere e Giove il 26. Si chiude il mese il 28 con il triangolo formato da Venere, Marte e Giove.

Meteore. Tra l’8 e il 9 sarà possibile osservare le Draconidi mentre per ammirare le stelle più belle d’autunno, le Orionidi, bisognerà attendere il picco del 22 ottobre. Le Orionidi sono stelle cadenti formatesi con i resti della famosa cometa di Halley.

Comete. Attenzione per l’ammirazione di due comete: la 67/P Churyumov-Gerasimenko, visibile poco prima dell’alba, e la C/2014 S2 Panstarrs, visibile osservando la Stella Polare.

(Immagini: www.meteoweb.eu)