Autovelox, cambia tutto: molte multe sono da annullare

Buone notizie per numerosi automobilisti incappati in multe per eccesso di velocità. Molte sanzioni verranno annullate a causa della mancata revisione degli autovelox

La maggior parte delle multe comminate a causa delle segnalazioni dei noti marchingegni elettronici è da considerarsi nulla. Un’ottima notizia per i guidatori, una pessima novità per le già martoriate casse dei comuni italiani. Ad esempio, a Milano le perdite derivanti da tale misura corrispondono a poco meno di 500 mila euro al giorno.

Secondo quanto riferito dal quotidiano La Stampa, la Corte Costituzionale ha deciso che l’articolo 45 del Codice della Strada è incostituzionale. Si tratta di una norma che non esegue alcun tipo di specificazione sui controlli periodici degli autovelox. In pratica, le multe derivanti dall’apparecchio devono essere prese con il beneficio d’inventario e molte di esse possono essere facilmente considerate nulla. Infatti, per farsi revocare una contravvenzione di questo genere, è sufficiente presentare un tempestivo ricorso e richiedere la revisione dell’autovelox incriminato. Un iter fin troppo lungo per il quale chiunque potrebbe chiedere anche la revoca di un eventuale ritiro della patente.

Ma da dove è iniziato il caso degli autovelox non controllati? Nel comune di Mondovì, alle porte di Cuneo, due cittadini hanno presentato una lunga serie di reclami contro una multa subita, a loro modo di vedere, in maniera ingiusta. I due ricorrenti non si sono fermati neanche davanti al Tribunale di Torino, che aveva respinto tutte le loro istanze.

La causa è proseguita con il coinvolgimento della Corte di Cassazione e della Consulta, con la convinzione della scarsa efficienza dell’autovelox che aveva causato la multa ai due cittadini. In particolare, la Consulta stessa ha decretato che ogni tipologia di strumento di misura può essere soggetto ad una modifica della propria calibratura, con caratteristiche che possono variare in qualsiasi momento e senza alcun criterio logico.

In pratica, se un autovelox si usura e non funziona al massimo, la sanzione elargita è da considerarsi incongrua. Si rendono quindi necessarie manutenzioni e verifiche per fare in modo che la legge sia davvero uguale per tutti e che le multe appaiano più giuste. Adesso, si aspetta soltanto una valanga di ricorsi da parte di coloro che hanno subito conseguenze economiche e pratiche da multe poco trasparenti.