DIS-COLL, ecco come chiedere l’assegno per i collaboratori disoccupati

Ecco cos'è e come chiedere la nuova indennità entrata in vigore nel Jobs Act, come sussidio per gli ex-collaboratori con contratti precari

Il nome anticipa tutto: DIS-Coll è il nuovo provvedimento in vigore con il Governo Renzi che prevede un sussidio di disoccupazione per quei lavoratori che hanno perso il loro impiego di collaboratore. Si aggiunge ad altre indennità, come il Naspi o l’ASdI che dal 1° maggio sono validi per sostenere diverse tipologie di ex-lavoratori, nella famiglia di ammortizzatori sociali previsti dal Dlgs 22/2015, il decreto attuativo del Jobs Act.

Il DIS-Coll riguarda come detto gli ex-collaboratori che hanno visto interrompersi all’improvviso e non per loro volontà il rapporto di lavoro, se il contratto in essere era di tipo precario ossia un co.co.co o un co.co.pro. (come la Legge Fornero fece con la manovra Una Tantum CoCoPro).

In tal caso, si ha diritto per tale provvedimento ad un’indennità pari alla metà dei versamenti corrisposti all’INPS considerandoli a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’interruzione di lavoro e per una durata massima di 6 mesi.
Sui requisiti, oltre alla tipologia di contratto precario, occorre poter dimostrare che ci si trova in uno stato di disoccupazione certificato dal centro per l’impiego, che si sono versati almeno 3 mesi di contributi a partire dal 1° gennaio 2014 e avere almeno 1 mese di contribuzione, o di una collaborazione, che abbia prodotto un reddito di almeno pari a 647,5 euro nel 2015 (ossia la metà dell’importo che dà diritto ad un mese di contribuzione).

E’ importante sapere poi che possono accedere a tale contributo tutti gli ex-lavoratori ed ex-lavoratrici iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata INPS, non pensionati e privi di partita IVA. La domanda è da inoltrare via telematica all’INPS entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto. L’indennità spetta in ogni caso a decorrere dall’ottavo giorno dalla fine del lavoro o dal primo giorno successivo alla data di presentazione della domanda all’ente. Il modulo per chiedere la DIS-Coll è disponibile qui.

[foto: Previdenzafacile.it]