Conto corrente: cambiarlo conviene? Informazioni e consigli

Chi ha un conto corrente da molti anni può trovare accattivanti le attuali condizioni sponsorizzate da tutte le banche: conviene cambiarlo?

Anche solo qualche anno fa aprire un conto corrente implicava sostenere diverse spese, come il canone annuo, le imposte di bollo, commissioni per bonifici e prelievi. Chi non ha cambiato conto ancora oggi sostiene queste spese, ma cambiare è possibile, infatti, oggi la maggior parte dei conti prevede un azzeramento di canoni, commissioni e spese varie. A questo punto può portare un notevole risparmio cambiare conto corrente, ma occorre fare attenzione ed evitare dimenticanze nel passaggio da un conto ad un altro, ecco le informazioni e i consigli su come fare.

La prima cosa da fare è scegliere una banca ed una tipologia di conto corrente in base alle esigenze personali, per effettuare questa scelta è possibile anche usare i comparatori online. La scelta principale è tra banca online e banca tradizionale, la prima oggi è molto scelta perché una soluzione flessibile e comoda anche per chi viaggia molto o non ama le file allo sportello.
Dopo questa operazione preliminare occorre aprire un nuovo conto, è bene precisare che è opportuno prima aprire il nuovo e solo successivamente chiudere il vecchio conto.
A questo punto si procede con la sospensione degli addebiti sul vecchio conto (bollette, telepass, rate varie) e trasferimento sul nuovo conto di tali addebiti. Nel caso in cui sul vecchio conto c’era anche l’accredito dello stipendio, occorre traslocare anche questo ed avvertire il datore di lavoro, l’INPS o altro ente previdenziale del passaggio al nuovo conto.

A questo punto c’è un’altro passaggio fondamentale: comunicare alle società/aziende che beneficiavano dei pagamenti tramite addebito in conto gli estremi del nuovo conto sul quale beneficiare dell’addebito. Quando tale procedura è andata a buon fine, si può chiudere il vecchio conto. Nella maggior parte dei casi le banche permettono di trasferire sul nuovo conto anche il pagamento delle rate dei prestiti.

I documenti da consegnare alla nuova banca sono:
– gli assegni non utilizzati della vecchia banca;
– le carte di credito e bancomat;
– gli estratti conto.

Nel caso di banca online la procedura è molto simile e può essere gestita tramite la compilazione online dei vari moduli messi a disposizione, occorre comunque inviare, secondo le modalità stabilite dalla banca, la documentazione cartacea richiesta per cambiare il conto corrente.
Queste le informazioni e i consigli per cambiare il vecchio e costoso conto corrente per aprirne uno più conveniente.