0 Shares 21 Views
00:00:00
12 Dec

Cyberbullismo: in arrivo un codice di autoregolamentazione

Michela Fiori
9 gennaio 2014
21 Views

Il fenomeno del cyberbullismo ha raggiunto ormai dimensioni tanto importanti da rendere necessario un intervento del legislatore. Il ministero dello Sviluppo economico, la polizia postale e delle comunicazioni, il Garante per l’ infanzia, l’Agcom e l’Autorità per la privacy hanno dato il via a un tavolo anti cyberbullismo che porterà alla stesura di un codice di autoregolamentazione.

La realizzazione di un codice sulla materia rappresenta un “intervento necessario anche a seguito dei gravi fatti di cronaca che hanno visto alcuni giovanissimi arrivare a gesti estremi dopo essere stati oggetto di insulti e diffamazioni su Internet”.

Per prevenire e contrastare il proliferare del fenomeno, gli operatori della Rete, in special modo quelli che operano nei servizi di social networking dovranno attivare meccanismi di segnalazione di episodi di cyberbullismo. “I meccanismi e sistemi di segnalazione– afferma una nota – dovranno essere adeguatamente visibili e cliccabili all’interno della pagina visualizzata, semplici e diretti, in modo da consentire anche a bambini e adolescenti l’immediata segnalazione di situazioni a rischio e di pericolo”. La rimozione dei contenuti offensivi dovrà essere eseguita entro due ore dalla segnalazione.

Nella pozza appena rilasciata, viene messo in risalto la “crescente tendenza dei giovani a sviluppare, attraverso l’uso dei nuovi media, una forma di socialità aggressiva e violenta che può indurre all’adozione di quei comportamenti discriminatori e denigratori verso i propri coetanei che spesso sfociano in episodi di cyberbullismo, attraverso la diffusione di post ed immagini o la creazione di gruppi contro”. Al tavolo anti bullismo hanno partecipato anche grandi player del web come Google e Microsoft e rappresentanti di Assoprovider e Confindustria digitale.

 

Vi consigliamo anche