Riforma pensioni 2015: Legge Fornero bocciata, ora rimborsi ai pensionati

La Corte Costituzionale giudica ingiuste le trattenute dei pensionati per la legge Fornero e invita il Governo a restituire tutto in due anni

Sulla riforma delle pensioni, si fa largo a gran voce la possibilità di un rimborso ai pensionati che avrebbero subito le pesanti conseguenze dell’applicazione della legge Fornero. Tutto nasce dalla sentenza della Corte costituzionale che dà ragione a milioni di ex-lavoratori i quali, in aggiunta agli esodati, avrebbero subito perdite dalla famigerata manovra sulle pensioni. Venga restituito il maltolto – gridano ora i Sindacati ed insorgono così anche i pensionati forti della sentenza e indeboliti dalla manovra dell’ex-ministro del lavoro del governo Monti.

La bocciatura giunta dalla Consulta della Corte Costituzionale riguarda l’articolo 24 del decreto legge 201/2014, che ha dichiarato incostituzionale la perequazione dei trattamenti pensionistici di importo superiore a tre volte il minimo arrecando un notevole danno anche ai conti pubblici, senza contare gli oltre 6 milioni di pensionati conseguentemente penalizzati nella manovra. Un verdetto che invita ora il governo a restituire, in due anni, i soldi – in media 500 euro per ogni pensionato – ingiustamente trattenuti con quel provvedimento.

E così il quadro si presenterebbe ancor più problematico ed il conto più salato per le casse di Renzi: da un lato la manovra in atto sulla riforma delle pensioni che tarda ad essere discussa e si carica di aspettative (oltre che di opinioni ed ipotesi, di giorno in giorno, da parte di varie voci e a vario titolo). Dall’altra, la possibilità di un rimborso che il segretario confederale Uil, Domenico Proietti e il segretario generale Uilpensionati, Romano Bellissima, suggeriscono unendosi alla sentenza al Governo Renzi, per quei pensionati che hanno subito le conseguenze di un provvedimento decisamente sbilanciato.

Addio allora al Tesoretto presunto o, la soluzione in questi casi per Susanna Camusso è una sola: la patrimoniale, un metodo per fare cassa e pareggiare i conti in sospeso con gli ex-lavoratori.

[foto: Fanpage.it]