Riforma pensioni Governo Renzi: novità, il premier parla alla Camera

L’attenzione sul tema è molto alta con i sindacati che chiedono maggiore flessibilità al premier che parla in questo momento alla Camera

La riforma delle pensioni non smette di far parlare di sé anche perché non si sono ancora sciolti i nodi più importanti. I sindacati chiedono al governo e al premier Renzi modifiche per la creazione di un nuovo sistema pensionistico che garantisca maggiore flessibilità per chi esce dal mondo del lavoro. Intanto ci sono già delle modifiche presenti nella Legge di Stabilità.

Primi passi, segnali che sembrano andare nella direzione giusta, come la modifica inserita nella legge di stabilità che ha eliminato le penalizzazioni sulla pensione anticipata dei lavoratori precoci. O ancora l’introduzione del tetto sulle pensioni d’oro dei funzionari e manager di Stato.

Le modifiche alla legge Fornero inserite nella Legge di Stabilità 2014 vanno bene ma serve un ulteriore passo in avanti. A ribadirlo, pur lodando quelli sinora compiuti, è Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro della Camera in quota PD: “Bene Legge di Stabilità su pensionati precoci, ora pensione anticipata 2015 per tutti”.

In questo momento il premier sta parlando alla Camera e sicuramente toccherà anche la spinosa questione della legge di riforma delle pensioni. Riuscirà a fare il punto della situazione e a rassicurare i lavoratori penalizzati dalla legge dell’ex ministro Fornero?

Riuscirà a trovare una sintesi che trovi sbocco all’interno di un nuovo quadro normativo che garantisca maggiore flessibilità in uscita per i lavoratori, di modo da permettere un nuove opportunità lavorative per le giovani generazioni?

Quello che le parti sociali, i lavoratori e anche i giovani si aspettano è un cambio di direzione ma, soprattutto, la visione di una rotta su questa tematica così importante per i lavoratori di oggi e domani.

(Foto: www.missionelavoro.tgcom24.it)