Riforma pensioni Governo Renzi: i requisiti per la pensione anticipata

L’Inps conferma lo stop alla penalità per i lavoratori che matureranno i requisiti per la pensione anticipata dal 1 gennaio 2015 al 2017

Pensione anticipata, niente penalità fino al 2017. Forse è uno dei pochi benefici apportati nella legge di Stabilità 2015, varata lo scorso dicembre. Parliamo della possibilità per i lavoratori che vogliono accedere alla pensione anticipata di non subire la penalizzazione prevista dalla legge Fornero.

L’Inps, con il messaggio 417/2015, ha comunicato alle sedi territoriali di non applicare le disposizioni riguardanti la riduzione percentuale della pensione per i lavoratori che hanno i requisiti per accedere alla pensione anticipata. Il beneficio riguarda chi accede alla pensione prima di aver compiuto i 62 anni di età, senza subire la penalizzazione, che prevede che sulla quota di pensione “retributiva” sia applicata una riduzione dell’1 per cento per ogni anno di anticipo della pensione rispetto ai 62 anni di età e una riduzione del 2 per cento per ogni anno ulteriore di anticipo rispetto ai 60 anni.

I requisiti per accedere alla pensione anticipata. Fatto sta che tale stop è temporaneo, da gennaio 2015 fino al 31 dicembre 2017, per quei lavoratori che matureranno i seguenti requisiti: gli uomini, sia del settore pubblico che privato, dovranno avere 42 anni e 6 mesi di versamenti contributivi mentre le donne 41 anni e 6 mesi. Nessun indicazione è pervenuta invece per i trattamenti che sono stati già colpiti dalla decurtazione (prima del 2015). Per questi trattamenti si attende di sapere se sia possibile attuare una loro “depenalizzazione” a partire dal 1 gennaio di quest’anno.

(Immagine: job.fanpage.it)