Riforma pensioni, pensione anticipata: ecco cosa cambierebbe con il prepensionamento flessibile

Calcolo delle pensioni con le ipotesi della quota 100 o del prestito pensionistico: ecco qualche considerazione sulle ipotesi in discussione

Oggi per andare in pensione occorre raggiungere i 66 anni e tre mesi con 42 anni e sei mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e sei mesi per le donne, soglie che nel 2016 andranno ad innalzarsi, come sappiamo, di 4 mesi in più. E così via ogni due anni, per statistiche che l’Istat ha fornito sull’aspettativa di vita media.

Ma di questo passo, quindi, età e requisiti di accesso per avere la pensione saliranno di continuo, andando a fare i conti con le prospettive che le ipotesi al vaglio del governo potrebbero inserire nella manovra definitiva della riforma delle pensioni.

Se ad esempio venisse attuata la scelta del prestito pensionistico, il lavoratore potrebbe ritirarsi due o tre anni prima rispetto all’attuale soglia dei 66 anni, ottenendo un anticipo sulla pensione che andrebbe poi a restituire con delle trattenute sull’assegno mensile, fino a quando non maturerebbe i requisiti previsti.

Se invece si optasse infine sulla Quota 100, il contribuente andrebbe in pensione anche prima dei 66 anni, purchè la somma fra la sua età e quella degli anni in cui ha versato contributi sia pari a 100.

Ma sui costi? Quali sarebbero le ripercussioni per lo Stato nel caso si optasse ad esempio per una di queste formule una volta a regime? Secondo le prime stime pubblicate su siti di settore, con la scelta di un prepensionamento così strutturato le lavoratrici andrebbero in pensione in anticipo – ad esempio – creando un disavanzo positivo dalla proroga del contributivo donna, visto che uscirebbero dal mondo del lavoro anche a 57 anni le dipendenti e 58 anni le autonome, fermo restando i necessari 35 anni di contributi. Con la loro pensione ridotta calcolata unicamente con metodo contributivo, quindi, si genererebbe un extra del 25-30% che andrebbe dritto nelle casse dello Stato.

[foto: Blogspot.it]