Riforma pensioni ultime notizie: Bonus Poletti, come fare ricorso per il rimborso

Fino al 40% in più sugli assegni della pensione per la decisione della Consulta. Ma Adusbef raccoglie i primi ricorsi per chi rivuole tutto

Grazie alla decisione della Consulta, il mancato adeguamento all’inflazione di molti assegni pensionistici potrebbe valere molto per alcuni pensionati. Proprio coloro che superano di poco tre volte il minimo previsto potrebbero riscuotere infatti fino al 40% in più.

E’ quello che è già stato ribattezzato il Bonus Poletti, ovvero un adeguamento che per volere della Corte Costituzionale, dal 1 maggio, il Governo Renzi ha dovuto riorganizzare in aliquote che considerassero finalmente – ma in parte – l’allineamento degli assegni sul costo della vita non corrisposti nei bienni 2012-2013 durante i quali cioè era in vigore il blocco del Governo Monti.

Morale: per gli aventi diritto al rimborso si creano bonus del 40% (ossia fino a 780 euro in più) a partire dal prossimo mese di agosto, destinati cioè a chi dal 2011 percepisce quote vicino al massimo a 1.860 euro di pensione. Poi, a seguire, fino al 20% in più per chi ha pensioni dai 1.800 ai 2.300 euro e così fino al 10% per chi supera questo range.

E’ bene considerare che le percentuali degli aumenti sono quanto l’attuale Governo può riconoscere al massimo sulle fasce individuate (extra su cui poi applicherà ovviamente le tasse prima di giungere ad un netto effettivo in assegno), giusto per andare incontro al volere della Corte e alle sue richieste a favore dei pensionati coinvolti nella manovra Fornero di allora. Ma al di là del fatto che siano generosi bonus o solo parte del dovuto, quello che altri pensionati considerano è la possibilità di ottenere invece rimborsi interi, ovvero cavalcando l’idea di un ricorso all’ente previdenziale e pretendere così l’intera quota cui si ha diritto.

Altre nuvole in vista dunque per il Governo? Forse. Adusbef, l’associazione che raccoglie le prime richieste e sta diventando portavoce della battaglia per il bottino intero, ha già diffuso un modulo per la diffida da mandare all’Inps poiché inadempiente.

[foto: Effemeride.it]