Rimborso pensioni agosto: ultimissime novità del ricalcolo

Tutto quello che c’è da sapere sul rimborso a meno di 10 giorni dalla sua emissione. Dal ricalcolo contributivo delle pensioni più pesanti risparmi per 4 miliardi

È confermata per il 1 agosto prossimo l’arrivo dei rimborsi pensionistici previsti dalla Corte Costituzionale. L’Alta Corte ha ordinato al governo di rimborsare i pensionati a cui era stata bloccata l’indicizzazione nel 2012 per effetto del cosiddetto Decreto Salva Italia del governo dei tecnici di Mario Monti.

Dal 1 agosto 2015 partiranno quindi i rimborsi per gli assegni pensionistici nelle misure seguenti per gli anni 2012-2013:

–         rimborso del 100 per cento su tutti i trattamenti pensionistici con importo totale fino a tre volte il minimo Inps;

–         rimborso del 40 per cento per gli assegni con importo superiori a tre volte e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo INPS con riferimento all’importo complessivo dei trattamenti;

–         rimborso del 20 per cento per gli assegni superiori a quattro volte il trattamento minimo INPS e pari o inferiori a cinque volte il trattamento minimo INPS con riferimento all’importo complessivo dei trattamenti;

–         rimborso del 10 per cento per tutti quelli compresi tra cinque e sei volte il minimo Inps

–         sopra sei volte il minimo non è previsto alcun rimborso.

I rimborsi per il 2014:

–         rimborso del 20 per cento dell’aumento ricevuto per il biennio 2012-2013, in relazione agli anni 2014-2015;

–         rimborso al 50 per cento dell’aumento ottenuto negli anni 2012-2013, in relazione al 2016.

Per sostenere i costi di tale operazione il governo ha stanziato 2,16 miliardi per il 2015 e circa 500 milioni per il 2016, risorse che permetteranno di restituire l’indicizzazione della pensione non goduta nel biennio 2012-2013 per effetto del decreto Salva Italia del governo Monti. A conti fatti il governo restituirà però solo il 12 per cento del totale.

Dal ricalcolo contributivo delle pensioni più pesanti risparmi per 4 miliardi. Oltre i rimborsi arriva anche il ricalcolo contributivo delle pensioni sopra i duemila euro. Un operazione che, secondo le stime del presidente Boeri, farebbe risparmiare quattro miliardi di euro e porterebbe maggiore equità nel nostro sistema previdenziale. Un modo per favorire quei molti pensionati in condizione di disagio.

(Immagine: www.morasta.it)